Caso Gregoretti, Giuseppe Conte interrogato dal gup a Roma - QdS

Caso Gregoretti, Giuseppe Conte interrogato dal gup a Roma

web-iz

Caso Gregoretti, Giuseppe Conte interrogato dal gup a Roma

web-iz |
giovedì 28 Gennaio 2021 - 15:26

L'ex ministro dell'Interno è imputato per sequestro di persona per il ritardo dello sbarco di 131 migranti dalla nave nel luglio del 2019. Giuseppe Conte ha chiarito oggi molti dubbi

Questa mattina il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è stato sentito dal gup Sarpietro a Palazzo Chigi, per il caso Gregoretti, in qualità di testimone. Il premier ha risposto a tutte le domande ed è stato molto collaborativo, chiarendo ogni dubbio al giudice, secondo il quale gli eventi furono curati da Salvini. Del medesimo avviso i legali che rappresentano in aula i migranti. Presente all’incontro anche il leader del Carroccio che si è detto soddisfatto dell’operato del giudice “nei giorni dei Palamara”.

“Il premier Conte è stato molto collaborativo, molto profondo nelle risposte”. Lo ha dichiarato il gup di Catania, Nunzio Sarpietro, al termine dell’audizione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sul caso Gregoretti, a Palazzo Chigi, a Roma.

“Ha fatto un‘ottima testimonianza – ha aggiunto il magistrato – che mi ha chiarito tantissimi elementi sulla politica di governo e sulla ricollocazione dei migranti nei vari eventi Sar. Non si può dire – ha sottolineato il giudice per l’udienza preliminare – che il premier abbia avallato le azioni di Salvini. Il presidente del Consiglio detta la linea politica generale del governo, e la coralità nelle decisioni atteneva alla metodologia generale. I singoli eventi poi erano curati dai singoli ministri“.

“Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha risposto in maniera esaustiva a tutte le domande che gli sono state poste”. Lo ha affermato l’avvocato Massimo Ferrante, del foro di Catania, che rappresenta una famiglia di migranti che era su nave Gregoretti, a conclusione dell’udienza Gip a Palazzo Chigi. “La nostra presenza come parte civile – ha aggiunto il penalista – ha lo scopo di contribuire all’accertamento della verità. Ma credo che un dato sia di palese evidenza: tra l’assegnazione del Pos (il porto sicuro) e lo sbarco c’è un vuoto. Il presidente Sarpietro sta facendo un’istruttoria complessa per raccogliere elementi per vedere se si può sostenere o meno l’accusa. Quello che è importante è di comprendere in quale momento, tra assegnazione del Pos e l’ordine di sbarco, sia intervenuta la volontà del ministro”.

“Conte ha chiarito che la decisione sul pos per la Gregoretti è stata presa dall’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini”, hanno aggiunto le parti civili.

Matteo Salvini: “Ho fatto il bene del Paese”

“Ringrazio il gip di Catania che, nei giorni dei Palamara che stanno mostrando il volto peggiore della magistratura politicizzata, ha approfondito e ha capito quello che è successo”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, al termine dell’udienza. Già prima di entrare in aula Salvini aveva sostenuto sui social – per difendersi dalle accuse di sequestro di persona – di aver “difeso il suo Paese”.

Gli altri testimoni che saranno ascoltati

Secondo quanto annunciato da Sarpietro, il 29 febbraio, nell’aula bunker del carcere di Bicocca, nel capoluogo etneo, saranno sentiti come testimoni l’allora vice premier e attuale ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e l’ambasciatore Maurizio Massari.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x