Cenere di pirite nella penisola Magnisi, provvedimento per la sicurezza del sito - QdS

Cenere di pirite nella penisola Magnisi, provvedimento per la sicurezza del sito

Oriana Gionfriddo

Cenere di pirite nella penisola Magnisi, provvedimento per la sicurezza del sito

martedì 30 Luglio 2019 - 00:00
Cenere di pirite nella penisola Magnisi, provvedimento per la sicurezza del sito

Il primo cittadino di Priolo Gargallo, Pippo Gianni, ha disposto un intervento di urgenza. Dai prelievi effettuati dall’Arpa è stata certificata la presenza di arsenico nei cumuli

PRIOLO GARGALLO (SR) – La cenere di pirite dalla Penisola Magnisi, a Priolo Gargallo, deve essere rimossa. è stato disposto, infatti, dal sindaco di Priolo Gargallo, Pippo Gianni, un provvedimento d’urgenza, per mettere in sicurezza ed eventualmente tombare o rimuovere la cenere di pirite al cantiere Penisola Magnisi (il primo da 10 anni a questa parte). Incisivo per la decisione dell’intervento il risultato dei prelievi effettuati dall’Arpa che hanno certificato la presenza di arsenico nei cumuli di pirite presenti a Thapsos.

“Anche per quanto riguarda il campo sportivo ex Feudo – ha detto il Sindaco, Pippo Gianni – si procederà con carattere d’urgenza, notiziando prima gli Enti coinvolti; il progetto esecutivo sara’ acquisito e approvato in tempi brevi”.

Sulla vicenda tanti sopralluoghi da un comitato locale ed esponenti del Partito Democratico, fino ad un’interrogazione parlamentare di Fausto Raciti. Prende le mosse proprio da questo caso il disegno di legge presentato all’Ars Giorgio Pasqua, componente della Commissione salute. “è pronto il disegno di legge che istituisce una vera e propria stazione meteorologica dell’inquinamento costante e fruibile da tutti i cittadini anche tramite smartphone”.

“Dopo aver avuto il via libera della commissione Ambiente – spiega Giorgio Pasqua – il mio progetto di legge, adesso unificato al ddl del collega Calderone (presidente gruppo parlamentare di Fi all’Ars) che determina nuove sanzioni per i superamenti spero presto potrà essere trattato presto in aula per la votazione finale. Si tratta del Simage, Sistema Integrato Monitoraggio Ambientale Gestione delle Emergenze che consente di scoprire scoprire chi, con cosa e da dove sta inquinando”.

“Il mio ddl – sottolinea il deputato – prevede l’acquisizione di tutti i dati di tutti i sensori e rilevatori esistenti nelle zone industriali, la interpolazione con dati meteorologici e la costruzione di rappresentazione grafica delle sostanze fuori soglia, con indicazione della provenienza, qualità e quantità. Si tratta di una sorta di stazione metereologica dell’inquinamento che incrociando i dati consentirà ai cittadini di conoscere in tempo reale, tramite un’apposita applicazione sul telefonino la qualità dell’aria che stanno respirando”.

“Il mio progetto di legge – sottolinea ancora il deputato – prevede inoltre, la possibilità per i Comuni di dotarsi di proprie stazioni di rilevamento che siano messi in rete con il medesimo sistema”.

“Si tratta in sostanza di raggruppare in un’unica banca dati che opera in tempo reale tutti i valori raccolti dai vari sensori che opportunamente processati anche da un punto di vista grafico, permetterà agli utenti di conoscere il momento esatto e il luogo da cui provengono gli eventuali valori inquinanti. – conclude – Si tratterebbe di una vera e propria rivoluzione di efficienza”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684