Centrodestra, Salvini e Meloni han paura di Berlusconi? - QdS

Centrodestra, Salvini e Meloni han paura di Berlusconi?

redazione web

Centrodestra, Salvini e Meloni han paura di Berlusconi?

mercoledì 16 Giugno 2021 - 08:24

Il capo della Lega ha respinto la proposta del Partito unico, affermando "Gli italiani non ci chiedono giochini". Forse ricordando quando il Cav gli elencava le cose da fare contando sulle dita

“Nessuno sta parlando di partiti unici, un conto è collaborare, federare, unire le forze altro è mischiare partiti dalla sera alla mattina. Gli italiani non ci chiedono giochini ma fatti”.

Lo ha detto Matteo Salvini in tv, ma la fretta con cui ha respinto l’idea lanciata ieri da Silvio Berlusconi per un rassemblement non solo elettorale a destra, ha evidenziato l’inquietudine del capo della Lega, che probabilmente ricorda quando, prima che decidesse di governare con il M5s, il Cavaliere gli elencava le cose da fare contando sulle dita.

“Un nuovo partito – ha detto Salvini – non ce lo chiede nessuno. I giochini, come quelli di Conte, mi interessano poco”.

Ma continua a rimanere sul tappeto l’idea berlusconiana di unire Lega, Fdi e Fi in un partito unico, per farne una sorta di blocco alternativo al centrosinistra, capace di agire e incidere con maggiore efficacia e peso nelle partite che contano, dalla conquista di palazzo Chigi alla elezione del nuovo capo dello Stato. Il modello è quello dei repubblicani negli Usa o dei Repubblicani francesi.
Di una destra conservartrice ma moderna, insomma.
Ma Salvini preferice la federazione, probabilmente temendo che la sua leadership possa declinare. E Giorgia Meloni, addirittura, non vuole neppure la federazione. Probabilmente per gli stessi motivi.

Il Cavaliere, invece, vuole andare oltre e ne ha parlato via zoom con gli eurodeputati azzurri guidati da Antonio Tajani, annunciando una sorta di manifesto politico, in stile ’94, con un appello a tutti gli alleati.

In tanti si chiedono cosa ci sia dietro la mossa berlusconiana. Due le ipotesi. La prima è che sia dettata da una gran voglia di Quirinale – solo con il sostegno di un partito unico avrebbe i numeri per diventare presidente della Repubblica – la seconda che si tratti dell’exit strategy che gli consentirebbe di archiviare Fi senza che altri la uccidano, ritagliandosi il ruolo di padre nobile del centrodestra italiano.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x