Cinema... da casa, il vento della libertà "soffia" su Netflix - QdS

Cinema… da casa, il vento della libertà “soffia” su Netflix

Francesco Torre

Cinema… da casa, il vento della libertà “soffia” su Netflix

venerdì 31 Luglio 2020 - 00:00
Cinema… da casa, il vento della libertà “soffia” su Netflix

Tratto da un famoso fatto di cronaca avvenuto dieci anni prima della caduta del Muro di Berlino, il film racconta i tentativi di fuga dalla Germania Est di due famiglie a bordo di una mongolfiera

BALLOON – IL VENTO DELLA LIBERTÀ
Regia di Michael Herbig. Con Friedrich Mücke (Strelzyk), Karoline Schüch (Doris Strelzik)
Germania 2018, 120’.
Distribuzione: Lucky Red – Netflix

Tratto da un famoso fatto di cronaca avvenuto dieci anni prima della caduta del Muro di Berlino, il film racconta i tentativi di fuga dalla Germania Est di due famiglie a bordo di una mongolfiera.

Di grande interesse la prima parte sin dall’incipit, con una sequenza in montaggio alternato in cui si rivela il doppio volto del totalitarismo socialista: da una parte un coro di voci angeliche dentro una scuola, dall’altra i colpi di pistola vicino al confine per fermare ogni fuggitivo.

I dialoghi sono brillanti, la regia fresca, la fotografia livida negli esterni con interni assolati e luminosi, bel modo per comunicare con codice puramente visivo la differenza tra la gelida temperatura sociale e la fiamma ancora accesa dentro le mura domestiche.

Il punto di vista privilegiato è quello del piccolo di casa, con inquadrature dal basso verso l’alto e riprese di grande mobilità, espedienti che si traducono, soprattutto nella sequenza del primo volo in mongolfiera, realizzata con uso insistito di primi e primissimi piani e rinunciando a spettacolari riprese aeree, in palpitante tensione emotiva.

Costruito con ambiguità, poi, il ruolo del commissario della Stasi deputato ad incastrare i fuggitivi, punto di ricaduta filosofica e morale sul tema della privazione della libertà.

Piuttosto convenzionale, invece, la seconda parte del film, in cui gli aspetti sociopolitici si indeboliscono fino a diluirsi completamente, con i personaggi che, svestiti i panni di attori di un tempo e di un luogo specifici, assurgono ad archetipi di un plot prevedibile e manicheo che strizza l’occhio al linguaggio della serialità.

È qui che la regia si aggrappa ai cliché narrativi e visivi del genere, per esempio con la rappresentazione in sequenza di montaggio del piano di fuga finale nei suoi vari passaggi e con un maggiore risalto alle musiche, che già in precedenza erano sembrate eccessivamente enfatiche. Anche l’innesto di una sottotrama sentimentale sembra rispondere più a un’esigenza di tipo funzionale (seminare per la chiusa ambientata dieci anni dopo) che ad una volontà di offrire altre sfumature al tema principe del film, universale ed eterno: la libertà.

Voto: ☺☺1/2☻☻

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684