Cinema e teatri, Italia studia la loro riapertura in sicurezza - QdS

Cinema e teatri, Italia studia la loro riapertura in sicurezza

web-dr

Cinema e teatri, Italia studia la loro riapertura in sicurezza

web-dr |
lunedì 22 Febbraio 2021 - 10:26
Cinema e teatri, Italia studia la loro riapertura in sicurezza

Il ministro della Cultura Franceschini ha chiesto al Comitato tecnico-scientifico "un incontro urgente per proporre le misure di sicurezza integrative su cui stanno lavorando le organizzazioni di categorie", ipotesi biglietti nominativi e mascherine Ffp2.

Si sta ragionando “perché progressivamente, nelle condizioni di massima sicurezza, si vada alla riapertura di tutti i luoghi della cultura“.

Lo dice in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ il Ministro della Cultura Dario Franceschini. La chiusura di teatri, cinema e sale da musica “è stata un dolore, ma inevitabile. Abbiamo cercato di accompagnare con misure straordinarie il sostegno a imprese e lavoratori del settore”, spiega il Ministro. Interventi che “sto riproponendo in modo consistente per il nuovo decreto Ristori”.

Dario Franceschini

Ad oggi, “teatri e cinema sono chiusi in Francia, Germania, Regno Unito, Belgio, Portogallo – aggiunge – ma siccome l’Italia è l’Italia vorrei che fossimo i primi a riaprire. L’operazione va fatta non con i proclami né con gli annunci ma per passi possibili”.

Franceschini ha chiesto al Comitato tecnico-scientifico “un incontro urgente per proporre le misure di sicurezza integrative su cui stanno lavorando le organizzazioni di categorie”.

Potrebbero essere “i biglietti nominativi, la tracciabilità delle persone, le mascherine Ffp2.

Mi confronterò poi collegialmente col governo” e “col Cts per individuare tempi e modalità”. Però “penso che teatri e cinema, con severe e adeguate misure, siano più sicuri di altri locali già aperti oggi”.

Con la riapertura dei musei nelle zone gialle si è già dato “un segnale preciso di ottimismo guardando al futuro della cultura”. Nel governo “sentiamo tutti sulle spalle la grande responsabilità di portare il Paese fuori da questa crisi, di aiutare le famiglie e le imprese, di superare la pandemia e di organizzare al meglio la campagna di vaccinazione al di là del colore politico al quale rimaniamo fedeli. Quindi sono certo che ce la faremo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684