Sparatoria a Cinisi, arrestato presunto complice, è un giovane - QdS

Sparatoria a Cinisi, arrestato presunto complice, è un giovane

web-mp

Sparatoria a Cinisi, arrestato presunto complice, è un giovane

web-mp |
sabato 06 Novembre 2021 - 09:06

E' accusato di aver preso parte, insieme a Vincenzo Carlo Darrica, già in carcere, al duplice tentato omicidio avvenuto in Corso Umberto I, nei pressi di un distributore di carburanti

I carabinieri hanno arrestato un presunto complice del tentato omicidio avvenuto a Cinisi la notte del 10 ottobre scorso nei confronti dei fratelli Roberto e Emanuel Bozzo, di 23 e 21 anni.

I militari della compagnia di Carini hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Palermo su richiesta della Procura, nei confronti di Calogero Grispo di 22 anni.

E’ accusato di aver preso parte, insieme a Vincenzo Carlo Darrica, già in carcere, al duplice tentato omicidio avvenuto in Corso Umberto I, nei pressi di un distributore di carburanti. I reati contestati sono tentato omicidio aggravato e premeditato, detenzione e porto abusivo di arma comune da sparo e ricettazione.

La ricostruzione della notte del 10 ottobre, la sparatoria a Cinisi

In base alla ricostruzione del procuratore aggiunto Ennio Petrigni e del sostituto Chiara Capoluongo, il tentato omicidio è avvenuto dopo una rissa tra ragazze a Terrasini. Daricca, dopo aver ferito i fratelli, avrebbe pure sparato due colpi contro la loro abitazione, si sarebbe sbarazzato dell’arma gettandola lungo la statale 113. Poi sarebbe passato da casa sua a Carini, dopo si sarebbe rifugiato in un’abitazione dello Zen e infine si è costituito accompagnato dal suo legale di fiducia, l’avvocato Maurilio Panci.

La sparatoria è stata ripresa dalle telecamere della stazione Q8 di corso Umberto, a Cinisi, ma è stato proprio il ragazzo che si trova in prognosi riservata, prima dell’intervento chirurgico, a riconoscere il suo aggressore in una foto che gli hanno mostrato i carabinieri.

Dalle immagini della videosorveglianza si vedrebbe chiaramente che Darrica scende dalla sua Fiat 600 dal lato passeggero: a guidare era qualcuno altro. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684