Continua la caccia ai posti-letto per i pazienti Covid a Palermo - QdS

Continua la caccia ai posti-letto per i pazienti Covid a Palermo

redazione

Continua la caccia ai posti-letto per i pazienti Covid a Palermo

giovedì 29 Ottobre 2020 - 00:00
Continua la caccia ai posti-letto per i pazienti Covid a Palermo

Il reparto di neurochirurgia dell’Arnas Civico verrà trasferito: “Passeremo da 32 postazioni a 13, con una sola sala operatoria”. Previsto anche il trasloco della Pediatria del Cervello al quinto piano del padiglione geratrico di Villa Sofia

PALERMO – “Ce lo dicono da un po’ di tempo, ma ieri al responsabile del reparto è stato comunicato che forse è questione di qualche giorno ma anche la nostra Neurochirurgia dell’Arnas Civico, che si trova nel padiglione 4, sarà trasferita in chirurgia vascolare nel padiglione 7”.

Lo dice Luisa Grippi, dirigente medico e segretario aziendale del sindacato Cimo. “Passeremo da 32 posti-letto a 13 e da due sale operatorie a una che potrà essere utilizzata in condivisione a giorni alterni – spiega Grippi – ci saranno inevitabili disagi perché al piano terra del padiglione dove siamo abbiamo anche la neuroradiologia interventistica fondamentale per il nostro reparto che ovviamente non potremo avere nel momento in cui saremo trasferiti”.

“Sappiamo che ci dobbiamo dare da fare e sbracciarci e siamo pronti, lo facciamo – afferma Grippi – ma qua siamo di fronte a una mancata programmazione, quello che era il piano sull’apertura dei reparti Covid, nei vari ospedali, è rimasto lettera morta. Mancano medici e infermieri e va detto che se facciamo posti Covid leviamo posti a pazienti affetti da altre patologie”.

Ma la caccia ai posti per i pazienti Covid positivi continua. Da martedì, infatti, si sussegue un tourbillon di voci che prevede il trasferimento della pediatria dell’ospedale Cervello al quinto piano del padiglione geriatrico del presidio di Villa Sofia e di conseguenza l’urologia andrebbe al quarto piano. “Ci arrivano queste notizie – dice Pucci Bonsignore, radiologo e segretario aziendale del sindacato Cimo a Villa Sofia – in questo modo si dovrebbero recuperare una ventina di posti al Cervello, purtroppo, però, manca il personale sanitario e la soluzione non possono essere i contratti co.co.co.”.

Ma Bonsignore punta il dito anche sui tamponi rapidi: “Non sempre risultano efficaci, ci dicono che l’attendibilità è all’80%, ma i falsi negativi sono numerosi, riteniamo che l’attendibilità sia del 50% e tante volte facendo il tampone molecolare riscontriamo la positività”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684