Coronavirus, adesso calano sia i decessi e sia i ricoveri - QdS

Coronavirus, adesso calano sia i decessi e sia i ricoveri

redazione web

Coronavirus, adesso calano sia i decessi e sia i ricoveri

lunedì 06 Aprile 2020 - 00:03
Coronavirus, adesso calano sia i decessi e sia i ricoveri

Se i numeri saranno confermati nei prossimi giorni, si potrà incominciare a vedere al cosiddetta "fase 2". Il pericolo viene dal boom di denunciati: troppe persone nelle strade nel week end di sole. Borrelli, "Pasquetta? Spero nella correttezza"

La curva scende e in Italia l’orizzonte della graduale ripresa delle attività non è mai stato così vicino.

Cala sensibilmente il numero dei ricoveri, degli accessi in terapia intensiva e dei decessi per Covid-19.

Cifre che spingono l’Istituto Superiore di Sanità, per la prima volta dall’inizio dell’emergenza, a parlare di “fase 2, se questi dati si confermano”.

Ipotesi che oramai sembra essere messa a rischio solo da chi continua a violare le norme anti-contagio, dopo il nuovo boom di furbetti denunciati: oltre novemila ieri.

Ieri sono stati 91.246 i malati di coronavirus in Italia, 2.972 in più (+3,37%) rispetto a sabato, ma è rallentato l’incremento del numero di vittime, in tutto 15.887.

A far sperare, nonostante il pesante bilancio, è l’ultimo dato sui 525 decessi in un giorno (+3,42%).

“E’ il numero più basso di deceduti dal 19 marzo a oggi”, ha commentato il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, facendo riferimento a una data dalla quale le cifre sui decessi giornalieri non erano mai più scese sotto la soglia psicologica dei quattrocento morti per il virus.

Continuano a diminuire, ieri per il secondo giorno consecutivo, gli accessi in terapia intensiva.

Sono 3.977 i malati in rianimazione, 17 in meno, mentre per la prima volta anche le cifre sui ricoverati con sintomi si riducono: ora sono 28.949 ovvero 61 in meno.

Numeri meno confortanti sul nuovo aumento di guariti: “solo” 819 in più per un totale di 21.815. Ma la curva ormai sembra scivolare verso la direzione attesa.

“Se questi dati saranno confermati, dovremo cominciare a pensare alla fase 2”, ha dichiarato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro.

Parole che volgono timidamente uno sguardo al segnale di lento alleggerimento delle misure, che potrebbe segnare la progressiva fine della quarantena italiana, passando dal contenimento del virus al mantenimento per il riavvio di alcune attività.

“Abbiamo vari indicatori – ha sottolineato Brusaferro – e l’atteso è che nei prossimi giorni vedremo ancora questo trend diminuire”.

Resta però chiaro che la sperata discesa è solo all’inizio e per questo ancora fragile.

“La costante attività delle forze dell’ordine è un buon deterrente, ma è importante che vengano mantenuti comportamenti molto stringenti. Confidiamo nell’atteggiamento della popolazione, che deve essere corretto con il comportamento che viene richiesto. Dunque non bisogna abbassare la guardia”, ha avvertito Borrelli in vista delle giornate di Pasqua e Pasquetta, giorni in cui si rischia un nuovo record di furbetti pronto a essere scongiurato con l’aumento di controlli in quelle date.

Le persone denunciate sabato dalle forze di polizia per i divieti sugli spostamenti sono state sabato 9.284 mentre venerdì, il giorno precedente, erano state 8.187.

Dall’11 marzo, data di inizio delle prescrizioni, le contestazioni alle persone per violazioni ai divieti anti-contagio sono state 176.767.

Anche per questo, sulla scia dell’ordinanza già in vigore in Lombardia, anche il governatore Toscana ha annunciato un provvedimento che renda “obbligatorio l’uso della mascherina all’esterno delle abitazioni”, in vista di un ordine che raddoppi le dieci milioni di mascherine già in dotazione nella Regione.

“L’ordinanza della Regione Lombardia va rispettata, è importante dove non si riesce a rispettare la distanza – precisa Borrelli commentando questo tipo di disposizione – le produzioni che si sono avviate ne renderanno possibile la fornitura a tutta la popolazione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684