Coronavirus e Arte, 2021 nero, le grandi mostre non si improvvisano - QdS

Coronavirus e Arte, 2021 nero, le grandi mostre non si improvvisano

redazione web

Coronavirus e Arte, 2021 nero, le grandi mostre non si improvvisano

lunedì 30 Novembre 2020 - 00:01

Il 2020 è stato durissimo per il sistema delle mostre d’arte, ma l’anno prossimo andrà peggio.
Per i musei e le sedi espositive i nodi intravisti nel primo lockdown e ora con la nuova stretta verranno al pettine e a pagarne i prezzi saranno tutti i soggetti coinvolti nell’ organizzazione delle esposizioni.

La previsione nera circola tra i responsabili delle società di comunicazione e gli uffici stampa che promuovono eventi e rassegne, preoccupati da un andamento che non lascia immaginare spiragli, soprattutto per l’allestimento degli appuntamenti di grande richiamo.

“I contratti con i clienti sono annuali. Chi garantisce che saranno rinnovati? E’ difficile programmare con una capienza minore quando i costi restano gli stessi”, dice Luca Melloni, amministratore di Clp Relazioni Pubbliche, agenzia storica fondata a Milano nel 1968 da Cesare Parmiggiani.

Dall’inizio del primo lockdown alla fine del 2020 sono saltati una quarantina di appuntamenti grandi e piccoli curati in tutta Italia dalla struttura, che ha sei dipendenti assunti e arriva a seguire un centinaio di iniziative l’anno.

“Organizzare una grande esposizione può richiedere anche due-tre anni di lavoro scientifico – fa notare Melloni – e per quelle di importanza eccezionale investimenti fino a tre-quattro milioni di euro. Oggi si mettono su mostre di ogni genere in tre mesi ma il discorso è completamente diverso”.

La nuova chiusura ha avuto anche il sapore della beffa perché molti organizzatori avevano impegnato somme notevoli per la sicurezza, il distanziamento e il controllo sulle presenze ma il provvedimento non ha fatto distinzioni.

L’ incertezza di questi lunghi mesi di emergenza ha bloccato ogni velleità di programmazione.

“Ora sono tutti fermi – osserva il responsabile dell’agenzia -. Le grandi mostre previste nel 2021 sono state già spostate al 2022. Per continuare a organizzarne una di livello medio e sperare nel pareggio bisogna prevedere un break even di almeno 30 mila paganti”.

La strada da seguire, anche per le difficoltà di ottenere prestiti stranieri, è ”valorizzare le collezioni dei singoli musei e cercare partner privati per sostenere i costi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684