Coronavirus ed edilizia, il settore rischia il collasso - QdS

Coronavirus ed edilizia, il settore rischia il collasso

redazione

Coronavirus ed edilizia, il settore rischia il collasso

venerdì 03 Aprile 2020 - 15:27
Coronavirus ed edilizia, il settore rischia il collasso

Settore edile vicino al collasso con lo stop di tutti i grandi appalti deciso per il Coronavirus e tremila operai in cassa integrazione. Da qui l’appello dei sindacati, che chiedono provvedimenti concreti per limitare i danni di uno stop dalle conseguenze disastrose.

“Dopo questa fase – ha affermato il segretario generale Fillea Cgil Palermo, Piero Ceraulo – si riparta velocemente per rimettere in moto il settore con investimenti mirati, anche nel campo dell’edilizia green e della rigenerazione urbana, come da tempo chiediamo”.

“Quasi il 90 per cento dei cantieri è fermo – ha sottolineato il sindacalista – e a oggi sono pervenute più di cinquecento richieste da parte di aziende per un totale di 2.500 operai e circa cinquecento impiegati”.

Per l’anello ferroviario, si sarebbe dovuta riaprire al traffico una parte della via Emerico Amari, con cambiamenti di sensi unici nelle vie circostanti, ma il cronoprogramma è stato rivisto. Fermi anche il raddoppio ferroviario Ogliastrillo-Castelbuono, il tratto stradale Bolognetta-Lercara sulla Palermo-Agrigento e il Passante ferroviario, con la sospensione delle attività in corso della Sis e anche delle ditte affidatarie, che stavano portando avanti i lavori di completamento.

In cassa integrazione i lavoratori edili del viadotto Himera, sulla Palermo-Catania; forni spenti nello stabilimento cementizio di Isola delle Femmine; chiusa l’attività di cave in tutti i settori estrattivi, in particolare laterizi, funzionali ai cantieri al momento improduttivi.

“Chiediamo e sollecitiamo – ha affermato Ceraulo – il pagamento diretto della Cig da parte dell’Istituto di previdenza. Solo i grandi cantieri, una percentuale risibile del 10 per cento, potrà anticipare le somme ai lavoratori”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684