Coronavirus, fake news russe contro Italia - QdS

Coronavirus, fake news russe contro Italia

redazione web

Coronavirus, fake news russe contro Italia

sabato 28 Marzo 2020 - 09:24
Coronavirus, fake news russe contro Italia

Il Copasir, nell'ultima settimana 152 false informazioni da siti riconducibili alla Russia. Gli stessi avevano influenzato le campagne elettorali. L'ipotesi di Report di destabilizzazione dell'Ue attraverso la Lega. Anche attacchi economici

Il Coronavirus? E’ stato creato dall’Italia per ridurre la popolazione degli anziani. Il Governo italiano potrebbe alimentare l’epidemia per guadagnare benefici dai fondi dell’Unione Europea.

Sono solo alcune delle innumerevoli fake news sul Covid-19 circolate nelle ultime settimane sui media mondiali.

E proprio l’Italia è uno dei target di questa “infodemia” che può essere ricondotta a “entità statuali esterne” all’Europa, spiega il presidente del Copasir, Raffaele Volpi, annunciando un’indagine sul tema da parte del Comitato.

Sarà Enrico Borghi (Pd), a svolgere la ricognizione sentendo anche l’opinione degli 007.

Campagna di disinformazione contro Italia e Spagna

“Abbiamo deciso di agire – spiega Borghi – perché c’è evidenza certa di una campagna di disinformazione che ha come bersaglio soprattutto Italia e Spagna, i Paesi europei che hanno finora subito il maggior impatto dal Coronavirus”.

Le caratteristiche della campagna in corso, osserva Volpi, “condotta secondo modalità già oggetto nel recente passato di comunicazioni da parte dell’European External Action Service (Eeas) dell’Ue, possono essere ricondotte all’azione di entità statuali esterne. Il Copasir esprime il proprio sostegno all’azione in corso da parte degli apparati di sicurezza nazionali, finalizzato a salvaguardare e rafforzare i livelli di contrasto alle minacce ibride nei confronti dell’Italia e dei propri alleati”.

In una settimana 152 esempi di fake news

EUvsDisinfo, la task force per la lotta alla disinformazione del Servizio Ue per l’azione esterna (Eeas) ha censito solo nell’ultima settimana 152 esempi di fake news sul Coronavirus.

Da parte di siti riconducibili prevalentemente alla Russia (perché affiliati a strutture dello Stato o perchè registrati lì o perchè sostengono comunque l’agenda di Mosca), come Sputnik, News Front, South Front. Nella testa dei disorientati cittadini chiusi in casa, si affastellano quotidianamente una miriade di informazioni (vere, verosimili, false) sul virus.

E, come già accaduto in passato con i tentativi di influenzare le campagne elettorali, la pandemia potrebbe essere l’occasione per uno Stato di provare ad influenzare l’opinione pubblica di altre nazioni propalando notizie false.

La minaccia di scalate ostili ad asset strategici

Questa campagna avviene mentre diversi Paesi, resi vulnerabili dalla crisi-Covid, devono già affrontare la minaccia di scalate ostili ad asset strategici.

Anche su questo il Copasir si è mosso, chiedendo al Governo l’allargamento del golden power a tutela delle aziende più importanti.

“Sono due fronti diversi – sostiene Borghi – e per ora non ci sono evidenze di collegamenti” tra gli attacchi economici al sistema Paese e la diffusione di fake news.

L’effetto della disinformazione, sottolinea il deputato, “è comunque quello di destabilizzare i Paesi colpiti, indebolendo la tenuta dei Governi, già alle prese con l’emergenza Coronavirus”.

“Ora – aggiunge – prenderemo contatti con le autorità preposte per fare luce”.

L’ipotesi di destabilizzazione dell’Ue attraverso la Lega

Il 21 ottobre dello scorso anno con un’inchiesta dal titolo “La fabbrica della paura” (clicca per guardare), Giorgio Mottola per la trasmissione della Rai Report aveva scritto: “C’è un filo nero che collega la metamorfosi leghista allo scandalo del Metropol di Mosca in cui sono rimasti impigliati Matteo Salvini (seppur non indagato) e il suo ex portavoce Gianluca Savoini… la trattativa della Lega per i soldi e il petrolio russo è solo una tessera di un mosaico molto più ampio, che vede sullo sfondo la nascita di un asse internazionale tra forze estremiste in Russia e negli Stati Uniti”.

“Un mosaico – veniva sottolineato – in cui Matteo Salvini e la Lega sono solo le pedine di un progetto internazionale che punta alla destabilizzazione dell’Unione Europea“.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684