Coronavirus, incinta da Londra a Palermo, in rianimazione - QdS

Coronavirus, incinta da Londra a Palermo, in rianimazione

redazione web

Coronavirus, incinta da Londra a Palermo, in rianimazione

martedì 26 Maggio 2020 - 05:34
Coronavirus, incinta da Londra a Palermo, in rianimazione

Aveva avuto il via libera per tornare in Sicilia, e, una volta ricoverata, si è scoperta positiva al covid-19. La donna, originaria del Bangladesh ma da tempo residente a Palermo, è al settimo mese di gravidanza e si pensa a un cesareo

Ha avuto il via libera per tornare in Sicilia da Londra ma, una volta giunta a Palermo, si è sentita male ed è stata ricoverata d’urgenza in ospedale dove si è scoperto che era positiva al coronavirus.

Adesso è ricoverata in gravi condizioni in un reparto di Rianimazione e i medici stanno facendo di tutto per salvare anche il bimbo che la donna porta in grembo.

La protagonista della vicenda è una donna di 34 anni originaria del Bangladesh, ma residente da tempo a Palermo, che ha seguito tutta la trafila per fare rientro a casa.

Si è registrata nel sito della Regione siciliana previsto per i rimpatri e tre giorni fa ha finalmente acquistato il biglietto aereo per un volo da Londra a Palermo con scalo a Roma.

E’ stata controllata più volte nei tre aeroporti con i termoscanner, sia al momento dell’imbarco che all’arrivo; le sue condizioni di salute erano buone e non destavano particolari preoccupazioni.

Fino a domenica sera, quando la situazione è precipitata.

La donna, con febbre molto alta, è stata trasportata dal 118 all’ospedale Cervello di Palermo.

Qui sarebbe stata portata nel reparto di Ostetricia prima di essere trasferita in Rianimazione, dove si trovano i pazienti positivi al covid-19.

I medici della struttura mantengono il massimo riserbo sulla paziente; le sue condizioni sono definite serie e la gestante, che è al settimo mese di gravidanza, viene costantemente monitorata.

Se le circostanze dovessero richiederlo, non si esclude di eseguire il parto cesareo per salvare il bambino.

Personale dell’Asp e della Protezione Civile regionale sono impegnati anche su un altro fronte: rintracciare tutte le persone che sono venute in contatto con la donna per eseguire i tamponi. Per esempio i passeggeri che hanno viaggiato sui due aerei lungo la rotta Londra-Roma-Palermo, di cui si sta cercando di recuperare l’elenco.

I primi controlli sono già stati eseguiti sui familiari della donna, a cominciare dal marito che sta seguendo con apprensione la situazione.

Nei reparti di Ostetricia e al pronto soccorso dell’ospedale “Cervello” è stata eseguita anche una sanificazione straordinaria.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684