Coronavirus, nel Comune di Catania rinviata la Tari - QdS

Coronavirus, nel Comune di Catania rinviata la Tari

redazione web

Coronavirus, nel Comune di Catania rinviata la Tari

venerdì 20 Marzo 2020 - 07:28
Coronavirus, nel Comune di Catania rinviata la Tari

Il pagamento spostato al primo giugno. Il sindaco Pogliese motiva la decisione con le "difficilissime condizioni di famiglie e aziende costretti a subire il fermo delle attività e un grave rallentamento negli introiti"

Il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, ha disposto la sospensione del termine di scadenza della prima rata della Tari, prevista a fine marzo, spostandola al primo giugno.

La decisione di fare slittare la scadenza a inizio giugno, è frutto di “un’attenta valutazione che pur in assenza di un esplicita riferimento a misure compensative per il Comune nei recenti decreti legge, tiene conto della difficilissima condizione attuale dei nuclei familiari e dei titolari delle aziende commerciali e professionali costretti a subire il fermo delle attività e un grave rallentamento negli introiti”.

“Per noi – ha spiegato Pogliese – è una condizione doppiamente difficile visto che il Comune che abbiamo trovato era già in dissesto, una circostanza che qualcuno ogni tanto dimentica. Gli incassi della Tari sono indispensabili per il Comune, che per legge deve fare fronte al pagamento per intero del servizio di raccolta rifiuti e tutti sanno che l’Ente viaggia sempre sul filo del rasoio, quanto a liquidità che per due mesi ora verrà a mancare. In questo momento prevale l’esigenza di venire incontro ai cittadini che vivono un momento difficilissimo”.

“Anche stavolta – ha sottolineato il sindaco di Catania – ci siamo dovuti caricare solo sulle spalle della nostra responsabilità scelte giuste e forse anche socialmente doverose, ma che purtroppo non sono supportate da risorse statali e strumenti normative adeguati, soprattutto per i Comuni in dissesto che devono comunque assicurare i servizi indispensabili. I catanesi sappiano che stiamo agendo nei limiti massimi di ogni nostra possibilità con grande senso di responsabilità e continueremo a farlo con lealtà istituzionale”.

“Ma dopo il decreto ‘Cura Italia’ ci aspettiamo a breve un provvedimento specifico del governo nazionale che si occupi degli enti locali e del loro equilibrio finanziario e di cassa, a cominciare – ha concluso Pogliese – da quelli in dissesto come il nostro, per evitare che si compromettano o addirittura saltino i servizi per i cittadini, che in questi mesi tra tanti sacrifici siamo comunque sempre riusciti a garantire”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684