Coronavirus, Orlando, "troppi in strada, adesso basta!" - QdS

Coronavirus, Orlando, “troppi in strada, adesso basta!”

redazione web

Coronavirus, Orlando, “troppi in strada, adesso basta!”

giovedì 02 Aprile 2020 - 05:00
Coronavirus, Orlando, “troppi in strada, adesso basta!”

Appello video del Sindaco di Palermo rivolto a tutti i siciliani, "Possiamo evitare, dobbiamo evitare la strage". Il prof. Borsellino, "Rischiamo di finire come la Lombardia". Il proprietario di un market, "Qui due volte al giorno, basta"

“Basta, obbedite restate a casa il ministro dell’Interno ha corretto la circolare specificando che non è cambiato l’ordine di restare a casa”.

Sono le parole del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, in un video messaggio, per chiedere a gran voce ai palermitani di continuare a essere prudenti.

Oltre 13.000 morti in tutta Italia! Evitiamo in Sicilia una strage

Restate a casa! Ci sono già stati oltre 13.000 morti in Italia.!Siamo ancora in tempo ad evitare a Palermo e in Sicilia la strage che sta avvenendo in altre città e altre regioni. Restate a casa o sarete responsabili di un omicidio di massa, della morte delle persone a cui volete bene!

Publiée par Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo sur Mercredi 1 avril 2020

La possibilità data dal Viminale di fare uscire i bimbi accompagnati da un genitore è stata infatti letta come un allentamento delle prescrizioni e ieri nei quartieri periferici sono stati visti bambini per strada giocare a pallone.

“Il Ministro della Salute – afferma Orlando nel video messaggio – ha prorogato fino al 13 aprile l’emergenza in tutta Italia. Restate a casa a Palermo e in Sicilia. Possiamo evitare, dobbiamo evitare la strage che si sta verificando in altre città e in altre regioni della penisola. Restate a casa seguite le indicazioni del presidente della Regione ne va della vita vostra e dei vostri cari. Restate a casa. Obbedite”.

Anche Nicolò Borsellino oncologo, primario al Buccheri La Ferla, sulla sua pagina Facebook ha lanciato un appello accorato alla cittadinanza.

“Girano in rete video di una gravità inaudita – afferma – che mostrano come a Palermo la gente sia tornata a popolare le strade. Ho potuto constatare io stesso che le strade sono frequentate da persone che dovrebbero stare a casa. Il rischio è che tra quindici giorni ci troviamo in una situazione simile alla Lombardia”.

“Siamo in trincea – aggiunge – medici e infermieri e impiegati dei supermercati. Vi prego sono sacrifici che stiamo facendo per salvaguardare la salute non sprechiamo tutto”.

E ieri il responsabile di un centro commerciale ha iniziato ad inveire contro i clienti in fila.

“Non è possibile venire qua due volte al giorno. La spesa bisogna farla una volta a settimana – ha urlato – ed invece ho qui scontrini di cinque e sei euro. Così si gioca con la nostra vita…”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684