Coronavirus, Palermo, movida selvaggia con multe, denunce e locali chiusi - QdS

Coronavirus, Palermo, movida selvaggia con multe, denunce e locali chiusi

redazione web

Coronavirus, Palermo, movida selvaggia con multe, denunce e locali chiusi

lunedì 01 Giugno 2020 - 16:52

Mancato rispetto delle norme anticovid con giovani a gruppetti sui marciapiedi e per strada alcuni senza mascherine. Una sorta di movida selvaggia che ha portato a sanzioni e alla chiusura per 5 giorni di quattro locali molto noti e frequentati a Palermo.

I vigili urbani hanno sanzionato i gestori per un importo di 400 euro. “Davanti ai locali – dice la polizia municipale – si sono registrati assembramenti con gli avventori che consumavano bevande senza rispettare la distanza interpersonale o sostavano senza alcun dispositivo di protezione. Nel corso dei controlli si sono verificate forti tensioni, tanto che gli agenti hanno dovuto chiedere l’intervento di altre pattuglie per completare le operazioni di sequestro”.

In via Isidoro La Lumia il gestore di un pub si sarebbe rivolto in maniera offensiva nei confronti degli agenti facendo ritardare di oltre due ore le operazioni di sequestro: è stato denunciato per oltraggio e minacce a pubblico ufficiale e per interruzione di pubblico servizio.

Non è la prima volta che agenti della polizia municipale hanno diverbi con gestori di attività commerciali per assembramenti davanti ai locali: loro sostengono di non avere potere sui clienti che sostano fuori.

“Solidarietà agli agenti impegnati per la tutela della salute e della sicurezza” è espressa dal sindaco Leoluca Orlando e dal vicesindaco Fabio Giambrone, che ricordano come “i buoni risultati raggiunti a Palermo e in Sicilia con il contenimento del virus, che qui ha causato molte meno vittime che altrove, non vanno vanificati con e da comportamenti irresponsabili e illegali”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684