Coronavirus, picco vicino, crescita più lenta - QdS

Coronavirus, picco vicino, crescita più lenta

redazione web

Coronavirus, picco vicino, crescita più lenta

venerdì 27 Marzo 2020 - 06:36
Coronavirus, picco vicino, crescita più lenta

Cominciano a vedersi segnali incoraggianti, anche se tutto è lento. Le misure sembrano avere effetto. Incremento positivi dovuto al numero di tamponi. La protezione del personale salinario. L'epidemia ha messo radici in gennaio

È ormai vicino il picco dell’epidemia di coronavirus in Italia, anche se la curva riduce la sua velocità molto lentamente, come testimoniano i dati che segnalano 62.013 malati, con un incremento di 4.492 rispetto a mercoledì e di 3.491 nel giorno precedente, per un numero complessivo di 80.539 comprese vittime e guariti.

Il numero dei morti è salito a 8.165, 662 in più rispetto a mercoledì, il giorno precedente l’aumento era stato di 683.

“Il picco è vicino, bisognerà vedere che cosa succede nelle prossime ore”, ha osservato il fisico Giorgio Sestili, fra i curatori della pagina Facebook “Coronavirus-Dati e analisi scientifiche”.

Cominciano a vedersi segnali incoraggianti

Cominciano a vedersi segnali incoraggianti: “Un’analisi, per esempio, mostra che si sta stabilizzando l’andamento del rapporto fra il numero dei tamponi positivi e il totale dei tamponi eseguiti, finora sempre in salita”, ha detto ancora Sestili.

Anche il numero dei decessi “non segna un balzo verso l’alto”.

Le misure sembrano avere effetto

Ottimista anche il direttore vicario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) Ranieri Guerra: “le misure sembrano avere effetto”, ha detto nella conferenza stampa di ieri della Protezione civile.

“Adesso – ha aggiunto – è importante non abbassare la guardia in un momento così critico, nel quale si vede un rallentamento della velocità di incremento della curva e nei prossimi giorni speriamo in una diminuzione sostenuta della casistica”.

Dello stesso avviso il vicecapo della Protezione Civile, Agostino Miozzo, per il quale “è importante che ci sia un rallentamento della curva, ma non possiamo aspettarci un’improvvisa diminuzione” e “dobbiamo osservare nei prossimi giorni gli effetti delle decisioni prese”.

Incremento positivi dovuto al numero di tamponi

Quanto all’incremento di circa mille casi positivi registrato rispetto a mercoledì, “l’ipotesi – per Miozzo – è che ci sia stato un accumulo di risultati di tamponi fatti nei giorni precedenti. Ma la cosa importante – ha aggiunto – è la velocità di incremento della curva che apparentemente sembra rallentare”.

Di certo non si deve abbassare la guardia ed è “fondamentale – ha detto Guerra – continuare la politica di isolamento domiciliare, a seconda delle condizioni dei pazienti. Per i pauci-sintomatici è fondamentale per allentare la pressione sugli ospedali. Ciò non vuol dire chiudere a chiave persone senza pensare alle loro esigenze. Serve un’assistenza domiciliare integrata, psicologica e di monitoraggio dei parametri vitali”.

La protezione del personale salinario

Un altro tema di primo piano è la protezione del personale sanitario: “I livelli di contagio sono elevati e questo significa che il personale si è esposto in prima persona. Queste persone devono essere tutelate, non soltanto con dispositivi e mascherine ad hoc. Deve essere anche garantita loro la capacità diagnostica per capire se sono positivi. E che non vengano esposti alla possibilità di contagiare i loro pazienti”. Fare i tamponi a medici e infermieri è importante, ha aggiunto, anche considerando che “quanto più precocemente si cominciano le terapie, più è positivo il risultato clinico”.

L’epidemia ha messo radici in gennaio

Sul fronte della ricerca, infine, nuovi dati confermano che l’epidemia da coronavirus abbia affondato le radici in Lombardia già in gennaio: all’indomani della pubblicazione della ricerca statistica che ne ha individuato le origini a partire dal primo gennaio, l’analisi dei dati genetici condotta dall’Università Statale di Milano indica il virus ha iniziato a circolare in modo nascosto già da fine gennaio in Europa e in Italia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684