Corsi di formazione, presunta truffa a Palermo, sequestrati beni - QdS

Corsi di formazione, presunta truffa a Palermo, sequestrati beni

redazione web

Corsi di formazione, presunta truffa a Palermo, sequestrati beni

martedì 14 Luglio 2020 - 07:10
Corsi di formazione, presunta truffa a Palermo, sequestrati beni

Scattati dopo un'indagine dei Carabinieri su un Ente, irregolarità per quasi duecentomila euro compiute da marito e moglie. Sarebbero stati sovraffatturati i costi di gestione con la complicità di un'altra società appositamente costituita



Avrebbero messo in atto una truffa nella gestione dei corsi di formazione.

I Carabinieri del nucleo operativo del gruppo tutela lavoro di Palermo hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza di beni per un valore di oltre 193 mila euro, nei confronti di due persone, marito e moglie, accusati di truffa aggravata, in relazione alle modalità di gestione dei corsi di un ente di formazione professionale.

L’indagine risale al novembre 2018, quando i militari eseguirono un accesso ispettivo nell’ente, che opera a Palermo, riscontrando una serie di irregolarità amministrative in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro e comminando sanzioni per circa tremila euro.

Dopo nuovi accertamenti sulla documentazione sequestrata è emerso che l’associazione, accreditata con il Dipartimento della Regione, aveva ricevuto finanziamenti per circa due milioni e mezzo di euro a partire dal 2011.

Di tali provvidenze avrebbe potuto beneficiare rispettando una serie di condizioni: la effettiva partecipazione del frequentatore di un corso alla quota minima di ore di formazione previste; dell’intero percorso formativo e superamento della prova finale e infine la conclusione del percorso formativo da parte di un numero di allievi non inferiore a quello previsto dai bandi.

I militari avrebbero accertato che il computo delle spese non sarebbe stato “reale” ma parametrato alla “qualità” del servizio reso e con l’obbligo di restituzione delle somme laddove venissero attuate “economie di gestione”.

Il Presidente dell’associazione avrebbe sovraffatturato i costi di gestione di alcuni corsi di formazione (come l’affitto dei locali e il noleggio delle attrezzature) con la complicità di un’altra società appositamente costituita, ove compare, come socio accomandatario, la moglie.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684