Corte dei Conti, condannato Bevilacqua per incarichi extra ateneo - QdS

Corte dei Conti, condannato Bevilacqua per incarichi extra ateneo

redazione web

Corte dei Conti, condannato Bevilacqua per incarichi extra ateneo

sabato 01 Agosto 2020 - 05:36
Corte dei Conti, condannato Bevilacqua per incarichi extra ateneo

L'ex ordinario di Ingegneria dovrà pagare all'Università di Palermo un risarcimento di circa duecentomila euro. "Condotta incompatibile con lo status di docente". Estinto il giudizio per l'ex rettore Lagalla che avrebbe omesso la denuncia del danno



I giudici della Corte dei conti hanno condannato Antonino Bevilacqua, ex ordinario di Ingegneria, a pagare all’Università di Palermo un risarcimento di circa duecentomila euro.

La Procura regionale aveva affidato le indagini sul caso ai militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza.

La vicenda riguarda gli incarichi extra universitari ottenuti negli anni da Bevilacqua che, come prevede la legge, avrebbe dovuto lavorare in esclusiva per l’Ateneo palermitano.

Secondo la Procura contabile, quando era professore il docente ha assunto l’incarico di rappresentante legale di società in condizioni, secondo l’accusa, “di assoluta incompatibilità”.

Per questi motivi la Procura aveva contestato un danno da 390 mila euro, tante le retribuzioni dal 2009 al 2017.

Nello stesso procedimento era stato citato in giudizio l’ex rettore Roberto Lagalla che secondo la procura avrebbe omesso la denuncia del danno.

“Nel merito, è incontestato in punto di fatto che il professore Bevilacqua – si legge nella sentenza – parallelamente allo svolgimento del rapporto di lavoro con la struttura pubblica (Università di Palermo), quale professore ordinario a tempo definito, in regime di esclusività, abbia rivestito la carica di amministratore e legale rappresentante in diverse società costituite a scopo di lucro, ricevendone i relativi compensi”.

“Il Collegio – si legge nella sentenza – ritiene che le cariche operative e gestionali, ricoperte in tutti gli anni e lo svolgimento, in concreto, di attività gestionali, in una pluralità di società di varia natura giuridica e oggetto sociale, siano la manifestazione di una condotta assolutamente incompatibile con lo status di docente a tempo definito”.

Bevilacqua ha sostenuto di avere svolto regolarmente il lavoro di docente, ha invocato un precedente che ritiene a lui favore, e in subordine che si sarebbe trattato di una colpa lieve.

Il giudizio nei confronti del rettore Roberto Lagalla è stato dichiarato estinto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684