Covid-19, dalle analisi delle acque è risultato positivo solo il 3% - QdS

Covid-19, dalle analisi delle acque è risultato positivo solo il 3%

redazione

Covid-19, dalle analisi delle acque è risultato positivo solo il 3%

sabato 25 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – Le normative anti-contagio da Sars-Cov-2 potrebbero cambiare le preferenze degli italiani in vacanza, considerando anche l’apertura al pubblico delle piscine comunali e delle acque termali su tutto il territorio nazionale prevista dal decreto del 17 maggio. Al fine di contenere l’epidemia in atto il decreto impone infatti che, prima dell’apertura al pubblico, le acque delle vasche siano analizzate da un laboratorio specializzato per certificarne l’idoneità alla balneazione. Le analisi devono essere ripetute almeno una volta al mese durante l’intero periodo di apertura al pubblico della piscina o delle strutture termali. Il Gruppo Lifeanalytics, azienda specializzata da oltre 40 anni nei servizi di analisi chimica, microbiologica e biologica, dall’approvazione del decreto ha già condotto una analisi su oltre 150 strutture ricettive con acque destinate alla balneazione per verificarne la sicurezza.

Dai test è emersa una percentuale di positività di poco superiore al 3%. “La pandemia ha sicuramente aumentato il livello di attenzione e consapevolezza di cittadini e turisti verso l’igiene, ma è importante ricordare che i rischi per la salute derivati da acque contaminate non sono legati soltanto al contagio da coronavirus” ha spiegato Giovanni Giusto, Ad Lifeanalytics. “La legionella ad esempio è un patogeno altrettanto dannoso per la salute che si diffonde attraverso l’acqua. Mai come in questo momento – ha sottolineato – è importante garantire la sicurezza della popolazione, attraverso tutte le analisi possibili sia negli ambienti lavorativi sia nei luoghi destinati allo svago”. Dalle ultime stime dell’Istituto superiore di sanità in Italia sono stati circa 18 mila i casi di legionellosi dal 2000 al 2019, in media circa 2 mila infetti l’anno con una mortalità del 10-15%.Le analisi condotte dai laboratori su tutte le tipologie di acqua fanno parte di “Più sicuro”, un insieme di analisi integrate ideate da Lifeanalytics volte ad analizzare e monitorare la sicurezza degli ambienti di lavoro e sanitari in questo periodo di pandemia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684