Covid, “Arte precaria”, Gino Gianuizzi al talk di Aba Catania - QdS

Covid, “Arte precaria”, Gino Gianuizzi al talk di Aba Catania

redazione

Covid, “Arte precaria”, Gino Gianuizzi al talk di Aba Catania

martedì 20 Aprile 2021 - 09:52

Il secondo degli incontri on line organizzati dall’Accademia di Belle Arti sarà dedicato all’esperienza trentennale di Neon, uno dei primi spazi indipendenti per l’Arte in Italia e al suo animatore

“Un’azione dadaista/situazionista/anarchica post ‘77, post-punk… che si è trovata a raccontare il lavoro di una generazione di artisti giovani”.

Così Gino Gianuizzi, artista, gallerista, curatore, descrive la nascita, nel 1981, di Neon, uno dei primi spazi indipendenti per l’Arte in Italia e noto anche in ambito internazionale.

L’esperienza sarà al centro del secondo incontro del ciclo di talk dal titolo “Arte precaria”, organizzati dall’Accademia di Belle Arti di Catania e curati da Ambra Stazzone e Lorenzo Madaro, entrambi docenti di Storia dell’Arte contemporanea dell’Aba.

L’appuntamento con Gianuizzi e Neon, su diverse piattaforme e social – Teams, Youtube, Facebook e Instagram – è per le 17 di giovedì prossimo, 22 aprile e proporrà ancora una volta riflessioni sul sistema dell’Arte contemporanea e sulle radicali trasformazioni che sta vivendo a causa della pandemia da Covid-19.

L’attività di Neon per numerosi anni è stata un punto di riferimento per la critica più attenta e per il collezionismo informato dato che è riuscita a promuovere la ricerca dei giovani artisti libera da condizionamenti di mercato, lasciando la sua impronta nella vita artistica e culturale nel contesto nazionale con riflessi anche in campo internazionale.

Neon ha espresso la sua natura plurima in vari luoghi di Bologna e Milano e, se pur dal 2011 non è più uno spazio fisico, la sua esperienza prosegue nei progetti – numerosissimi – curati da Gianuizzi.

Solo per citare i più recenti e rilevanti, nel 2018 la Galleria La Veronica di Modica gli ha dedicato una mostra e il MAMbo ha in preparazione un progetto espositivo e una pubblicazione che vedrà la luce nei prossimi mesi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x