Covid, Cancelleri mangia per strada, bufera sui social - QdS

Covid, Cancelleri mangia per strada, bufera sui social

redazione web

Covid, Cancelleri mangia per strada, bufera sui social

sabato 27 Marzo 2021 - 06:41

Il sottosegretario ai Trasporti e il sindaco di Caltanissetta Gambino, entrambi grillini, ritratti su Fb mentre mangiano in strada nonostante il Comune sia zona rossa. Le scuse del primo cittadino

Prima l’apertura di un tratto della Strada Statale 640 poi la sosta al panificio per mangiare qualcosa insieme.

Ha suscitato le proteste dei cittadini e dei ristoratori nisseni la foto postata su facebook da un panettiere che ritrae il sottosegretario ai Trasporti Giancarlo Cancelleri insieme al sindaco di Caltanissetta, anche lui del M5s, Roberto Gambino, intenti a consumare pietanze di tavola calda con altre persone.

Caltanissetta è zona rossa dal 15 marzo e i contagi non accennano a diminuire. Proprio per questo più volte, nel corso delle sue dirette su facebook, il sindaco Gambino aveva esortato i cittadini a non creare assembramenti davanti ai bar aperti per l’asporto.

Tanto che qualcuno ha anche dovuto chiudere.

“Io ho due bar e una friggitoria – racconta Giuseppe Balbo – e abbiamo scelto di chiudere perché la situazione in città è molto critica e capita che le persone si fermino a mangiare davanti i locali nonostante sia vietato. Quindi con grande senso di responsabilità abbiamo fatto questa scelta. Ecco perché una foto di questa fa ancora più rabbia”.

In seguito alle proteste dei cittadini la foto è stata rimossa ma ha fatto in tempo a passare da profilo in profilo e adesso i nisseni vogliono una spiegazione su quanto accaduto.

Il sindaco Gambino ha replicato sulla sua pagina facebook personale.

“A volte la stanchezza e la velocità giocano brutti scherzi – ha detto il primo cittadino – una foto non può cancellare il lavoro svolto quotidianamente con impegno e passione. Non mi aspetto comprensione ma neanche tutti questi attacchi gratuiti”.

“Chiedo scusa – ha concluso – alla città se ho turbato la sensibilità dei miei concittadini”.

Tag:

Un commento

  1. Antonello ha detto:

    Per molto meno in un paese civile avrebbero dovuto dare le dimissioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684