No Green pass, focolaio Covid tra manifestanti Trieste, sospeso magistrato siciliano - QdS

No Green pass, focolaio Covid tra manifestanti Trieste, sospeso magistrato siciliano

web-iz

No Green pass, focolaio Covid tra manifestanti Trieste, sospeso magistrato siciliano

web-iz |
giovedì 28 Ottobre 2021 - 07:56

A Trieste casi in rapida evoluzione. Intanto la sezione disciplinare del Csm sospende Angelo Giorgianni.

C’è un focolaio Covid a Trieste legato alle proteste contro il Green pass. Sono 46 i casi “associati alle manifestazioni, 8 sono i portuali positivi, sette di Trieste e uno di Monfalcone”. Lo riferisce una fonte sanitaria. Di questi 40, 9 sono casi ‘secondari’ di conviventi di soggetti che hanno preso parte presidi e cortei. “Il numero di casi è in rapida evoluzione” riferisce l’epidemiologo Fabio Barbone dell’Istituto Burlo Garofalo di Trieste. 

Tra i contagiati anche Fabio Tuiach, il pugile ed ex consigliere comunale, per il quale fa fede la sua ‘dichiarazione’ di malattia pubblicata su Facebook, anche se non lo ha comunicato alle autorità portuali, come hanno fatto gli altri.

La sospensione di Angelo Giorgianni

Intanto la sezione disciplinare del Csm, accogliendo la richiesta di misura cautelare disciplinare avanzata dal procuratore generale della Cassazione, ha stabilito la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio per il giudice della Corte d’appello di Messina, Angelo Giorgianni, dopo le dichiarazioni rilasciate dal magistrato nel corso della manifestazione contro il Green pass che si è svolta sabato 9 ottobre a Roma. 

La decisione del ‘tribunale delle toghe’ è giunta dopo l’udienza a porte chiuse che si è svolta venerdì scorso a Palazzo dei Marescialli.

Sulla vicenda, al Csm era stata anche aperta, dopo la richiesta presentata in via d’urgenza dai togati di Area, una pratica su Giorgianni in Prima Commissione, competente su eventuali trasferimenti d’ufficio per incompatibilità.

Anche la ministra della Giustizia Marta Cartabia, titolare, con il pg della Cassazione Giovanni Salvi, dell’azione disciplinare, aveva disposto verifiche attraverso gli ispettori di via Arenula. Il giudice messinese, nei giorni scorsi, aveva annunciato di voler andare in pensione dal prossimo gennaio. (AGI)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684