Lavoravano senza vaccino, 281 tra medici e sanitari scoperti dai Nas - QdS

Lavoravano senza vaccino, 281 tra medici e sanitari scoperti dai Nas

web-mp

Lavoravano senza vaccino, 281 tra medici e sanitari scoperti dai Nas

web-mp |
venerdì 03 Dicembre 2021 - 08:25

Le verifiche hanno interessato 1.609 strutture e sono state verificate circa 4.900 posizioni in tutta Italia

Medici, infermieri od
“esercenti le professioni sanitarie” che erano al lavoro, ma senza
aver fatto il vaccino. 281 “operatori di interesse sanitario” sono
stati scoperti dai carabinieri del Nas, che d`intesa con il ministero della
salute, stanno conducendo una campagna di verifiche sul rispetto dell`obbligo
vaccinale.

Ad oggi, nel corso di controlli
in 1.609 strutture e centri sanitari pubblici e privati sono state verificate
quasi 4.900 posizioni relative a medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari,
infermieri, fisioterapisti e altre figure, accertando 281 situazioni irregolari
dovute all`esercizio della professione in assenza della vaccinazione.

Tra i professionisti controllati
è emerso che 126 di loro eseguivano prestazioni seppur già destinatari del
provvedimento di sospensione dall`Ordine professionale su segnalazione
dell`autorità sanitaria (ASL, ASP, ATS, etc.), continuando a svolgere la libera
professione presso gli studi medici di proprietà o presso ambulatori, come pure
all`interno di reparti in ospedali pubblici e cliniche private, in ragione del
loro incarico di medico o infermiere.

Queste condotte hanno portato al
deferimento all`autorità giudiziaria per l`ipotesi di reato di “esercizio
abusivo della professione sanitaria” poiché sorpresi in servizio malgrado
fossero stati sospesi dall`Ordine professionale. In tale ambito, sono stati
individuati anche 8 medici di famiglia, tra medici e pediatri di medicina
generale operanti in alcune Regioni (Abruzzo, Sardegna, Campania e Lazio),
risultati non essersi mai sottoposti a vaccinazione.

Il servizio di controllo ha determinato anche l’avvio di accertamenti nei confronti di Aziende Sanitarie di alcune Regioni e Provincia Autonoma (Calabria, Sicilia, Molise, Bolzano-Alto Adige) per possibili condotte omissive e di inerzia nella regolare predisposizione dei provvedimenti amministrativi e disciplinari nei confronti del personale risultato non vaccinato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684