Covid, Musumeci attacca, "A Palermo in alcune zone manca lo Stato" - QdS

Covid, Musumeci attacca, “A Palermo in alcune zone manca lo Stato”

web-la

Covid, Musumeci attacca, “A Palermo in alcune zone manca lo Stato”

web-la |
martedì 04 Maggio 2021 - 13:28
Covid, Musumeci attacca, “A Palermo in alcune zone manca lo Stato”

Il Governatore: "Ci sono zone della città dove lo Stato ha difficoltà a testimoniare la propria presenza, questa è la verità"

“Il dato dei contagi a Palermo è singolare, riflette una particolare condizione socio-economica. Subito dopo la pandemia, le articolazioni dello Stato dovrebbero riflettere.

Ci sono zone della città dove lo Stato ha difficoltà a testimoniare la propria presenza, questa è la verità”.

Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, ai cronisti sui dati dei contagi a Palermo, che anche ieri sono stati elevati e rappresentano circa la metà del totale registrato nell’intera Sicilia.

“Sugli ultra 80enni abbiamo operato una campagna tenace di sensibilizzazione, abbiamo chiesto la collaborazione dell’Ordine dei farmacisti e quella dei medici di medicina generale con i quali abbiamo sottoscritto un accordo.

Devo ringraziare la minoranza dei medici di medicina generale che sta collaborando nella ricerca del proprio paziente ultra 80enne, prima per convincerlo a vaccinarsi e poi per somministrare il vaccino.

Vorrei sperare che da parte di tutti i medici di base ci possa essere questa contagiosa consapevolezza – ha detto Musumeci -. Ci aspettiamo molto di più dai medici di medicina generale, dei quali conservo dall’adolescenza una immagina quasi ieratica ma che si è sbiadita per lo scorrere degli anni e per una caduta etica e deontologica che registro – ha aggiunto – Il medico è l’avamposto nella trincea del territorio, speriamo di poterli avere al nostro fianco, al fianco degli operatori sanitari e delle strutture distribuite nel territorio, oltre 60 punti vaccinali nelle nove province.

Loro conoscono i pazienti ultra 80enni, le patologie, gli indirizzi: sono nelle condizioni di poterli contattare e vaccinare. Già in molti lo fanno, ma si tratta pur sempre di una minoranza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684