Covid, Sant'Agata, Catania senza devoti, divieti rispettati - QdS

Covid, Sant’Agata, Catania senza devoti, divieti rispettati

redazione web

Covid, Sant’Agata, Catania senza devoti, divieti rispettati

giovedì 04 Febbraio 2021 - 09:43

Niente fedeli per la terza festa della Cristianità per partecipazione. La tradizionale Messa dell'Aurora è stata celebrata in una Cattedrale chiusa. Per le strade deserte nessun devoto con "sacco" e "scurzitta"

Strade vuote, piazza Duomo deserta, porte della Cattedrale chiuse.

E’ una Catania irriconoscibile per il quattro febbraio, giorno in cui è tradizionalmente affollatissima di fedeli per la Messa dell’Aurora che si celebra alle sei del mattino nell’ambito dei festeggiamenti per Sant’Agata, Patrona della città.

La festa è indicata come la terza dell’intera Cristianità per numero di presenze al mondo.

I Catanesi, con la Sicilia in zona arancione, hanno dunque saputo rispettare le restrizioni: divieto di accesso alle zone attigue alla Cattedrale e di stazionamento in piazza Duomo, disposti con un’ordinanza dal sindaco Salvo Pogliese.

E non ci sono stati devoti con indosso il tradizionale “sacco” bianco e la “scurzitta”, il berretto nero, che solitamente invadono in centinaia di miglia la città.

In Cattedrale pochissimi presenti ammessi. Tra loro il sindaco come rappresentante dei catanesi.

Il busto-reliquiario dalla Santa Vergine e Martire è stato spostato dal sacello in cui è custodito e portato vicino all’altare ed è cominciata la celebrazione della Messa dell’Aurora.

Durante l’omelia l’arcivescovo Salvatore Gristina ha avuto momenti di forte commozione.

“A causa della pandemia la Cattedrale è vuota e vi assicuro – ha detto tra l’altro con voce rotta dall’emozione – che è impressionante per queste assenze che ci dispiace”.

“Offriamo al Signore questa sofferenza – ha aggiunto – con la speranza che con l’intercessione di Sant’Agata si possa tornare alla normalità e ad onorare la nostra Patrona come lei merita e come noi desideriamo intensamente”.

Pogliese, triste ma doverosa Sant’Agata senza fedeli

“E’ stata un’emozione grandissima, quest’anno più degli altri, partecipare in rappresentanza di tutti i catanesi e i devoti alla Santa Messa dell’Aurora e all’uscita del busto reliquiario dal sacello, la ‘cammaredda’ della Cattedrale, un sentimento di immensa gioia che si è sovrapposto alla tristezza per l’assenza dei fedeli in Chiesa che umilmente ho provato a rappresentare davanti a Sant’Agata”.

Lo ha affermato il sindaco di Catania Salvo Pogliese uscendo dalla Cattedrale dove ha assistito alla Messa dell’Aurora, che ha aperto le celebrazioni eucaristiche dei giorni clou della ricorrenza della Santa Patrona della città, che quest’anno si svolgono in forma esclusivamente liturgica.

“Mi sono soffermato in preghiera insieme all’arcivescovo Salvatore Gristina e al parroco Barbaro Scionti – ha continuato – affidando alla Patrona la nostra Catania e ogni singolo devoto con la propria famiglia. Ho chiesto di darci la forza necessaria a superare questa dura prova dell’epidemia da Covid-19 e al contempo ho ricordato i momenti in cui il Duomo è stato ricolmo di devoti, fede e passione, una scelta dolorosa, ma doverosa visto il momento pandemico che ci ha costretto al massimo rigore nell’interesse della salute di tutti”.

“Anche per questo – ha aggiunto Pogliese – mi sento di ringraziare i catanesi, che hanno raccolto il nostro appello a rimanere a casa in uno dei momenti clou della festa a seguire le celebrazioni agatine in tv o in streaming, mostrando eccezionale maturità e un comportamento ineccepibile”. “Oltre che ai concittadini devoti – ha sottolineato Pogliese – esprimo gratitudine alle forze dell’ordine, alla polizia municipale, ai volontari e agli operatori della comunicazione e dell’informazione, che stanno compiendo uno sforzo eccezionale per garantire sicurezza ai cittadini e offrire servizi di grande livello sui mass media, con una professionalità all’altezza della terza festa al mondo”.

Marano, chiedere riconoscimento Bene Unesco

“A causa della pandemia, siamo costretti a vivere in modo completamente diverso dal solito la prossima festa di Sant’Agata, senza la partecipazione fisica con cui i catanesi esprimono la loro devozione. Ecco perché è opportuno impiegare i prossimi giorni e i prossimi mesi avviando un lavoro corale di tutta la città, fondamentale per il futuro della Festa e di Catania: la richiesta all’Unesco del riconoscimento dei Festeggiamenti Agatini come Bene immateriale Patrimonio dell’Umanità”.

Lo ha affermato Francesco Marano, membro emerito e già presidente del Comitato per la Festa di Sant’Agata.

“Abbiamo discusso insieme al presidente Riccardo Tomasello più volte anche recentemente – ha aggiunto – per impostare un lavoro che sarà lungo ma entusiasmante e che dovrà coinvolgere l’intera città e vari soggetti. Già da alcuni anni si discute del riconoscimento Unesco, obiettivo condiviso da soci promotori del Comitato, arcivescovo, sindaco di Catania e dal Presidente delle Regione”.

“Tutta la nostra città avrebbe un grande giovamento – ha concluso – considerato anche che si tratterebbe del terzo Bene Unesco, dopo il Barocco e l’Etna. Proprio per dimostrare l’importanza di questo riconoscimento occorre lavorare, a prescindere dal proprio ruolo istituzionale, perché questo eccezionale obiettivo è di tutti e va senz’altro perseguito: Catania e la Festa lo meritano”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684