Covid, un vaccino in pillole da Oravax e Pfizer - QdS

Covid, un vaccino in pillole da Oravax e Pfizer

web-dr

Covid, un vaccino in pillole da Oravax e Pfizer

web-dr |
martedì 23 Marzo 2021 - 16:33

Un vaccino contro Covid-19 in forma
di pillola potrebbe entrare nella prima fase dei trial clinici quest’anno. Ad
annunciarlo è l’azienda Oravax, che lavora sul prodotto, che in una nota
stampa rende noto di prevedere di iniziare uno studio clinico nel secondo
trimestre del 2021.

Il passaggio è solo la prima fase dello sviluppo di un vaccino, dopo i buoni risultati ottenuti in studi preclinici, che hanno mostrato una produzione di anticorpi dopo la prima dose. Se funzionasse, potrebbe comunque passare un anno o più prima che sia autorizzato per l’uso (Moderna e Pfizer hanno iniziato le loro prime sperimentazioni sull’uomo rispettivamente a marzo e maggio 2020).

Oravax è una joint venture di due società: la società israelo-americana Oramed e la società indiana Premas Biotech.

Secondo quanto riferisce al Jerusalem Post Nadav Kidron, Ceo di Oramed, le società si sono collegate all’inizio di quest’anno e si sono subito rese conto di poter rivoluzionare il mercato.

“Un vaccino COVID-19 orale – evidenzia Kidron – eliminerebbe diverse barriere alla distribuzione rapida e su larga scala, consentendo potenzialmente alle persone di assumerlo in autonomia a casa. Potrebbe diventare ancora più prezioso nel caso in cui l’immunizzazione venisse raccomandata ogni anno come il vaccino antinfluenzale standard”.

Il nuovo candidato vaccino Oravax prende di mira tre proteine strutturali del nuovo coronavirus, in contrasto con la singola proteina spike presa di mira tramite i vaccini Moderna e Pfizer, secondo quanto riferisce il Ceo di Oramed. In quanto tale, per Kidron “questo vaccino dovrebbe essere molto più resistente alle varianti COVID-19”. I risultati del trial di fase 1 dovrebbero essere disponibili nel giro di tre mesi.

Intanto Pfizer avvia i primi test clinici, quelli di fase 1, su una pillola contro il Covid. Lo riportano i media americani, sottolineando che gli studi pre-clinici mostrano una “potente” attività antivirale contro il virus. I test sul farmaco per via orale, chiamato PF-07321332, sono condotti negli Stati Uniti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684