Covid-19, l’algoritmo russo che lo riconosce in 60 secondi - QdS

Covid-19, l’algoritmo russo che lo riconosce in 60 secondi

redazione

Covid-19, l’algoritmo russo che lo riconosce in 60 secondi

domenica 17 Gennaio 2021 - 14:00
Covid-19, l’algoritmo russo che lo riconosce in 60 secondi

Rileva i segnali diagnostici basati su voce, respiro e tosse

ROMA – I russi hanno trovato l’algoritmo che rileva il Covid 19 dalla voce, dalla tosse e dalla respirazione. Askanews lo apprende da Sber, controllata della principale banca russa Sberbank. Il laboratorio AI di Sber ha progettato un algoritmo che rileva i segnali diagnostici da Covid entro 60 secondi, basandosi su un controllore dei sintomi e tre modelli sonori: quelli della voce, della respirazione e della tosse.

I file vocali vengono convertiti in uno spettrogramma che mostra l’energia sonora attraverso le frequenze da analizzare utilizzando una rete neurale convoluzionale profonda. Gli studi sono stati effettuati su dati aperti, che includevano migliaia di campioni di respirazione e tosse aggregati da pazienti positivi a Covid dalle cliniche russe.

“All’inizio di novembre dello scorso anno, abbiamo annunciato la nostra disponibilità a creare un algoritmo del genere e da allora non abbiamo perso tempo invano”, afferma Alexander Vedyakhin, primo vicepresidente del consiglio di amministrazione di Sberbank. “Naturalmente, il nostro modello non ha ancora la precisione della ricerca biologica basata sulla PCR, il che non sorprende, ma ha già caratteristiche simili. Detto questo, il modello ha una sensibilità regolabile, è molto più facile da usare, più conveniente ed è più economico, il che è fondamentale”.

Secondo Vedyakhin non si tratta di uno strumento diagnostico medico, ma piuttosto “un controllore quotidiano personale in quanto bastano solo 60 secondi per fare un test e ottenere i risultati. A breve, siamo pronti a creare un’applicazione speciale che sarà disponibile su App Store e Google Play. Ciò ottimizzerà ulteriormente l’accuratezza del modello supportando fortemente la nostra agenda sanitaria”.

Sberbank è la più grande banca russa e tra le principali istituzioni finanziarie mondiali. Con quasi un terzo delle attività aggregate del settore bancario russo, Sberbank è il principale prestatore dell’economia nazionale e uno dei maggiori acquirenti di depositi in Russia. Sber rappresenta una serie di servizi per la vita e l’assistenza quotidiana creati dalla banca per la gestione dei problemi quotidiani urgenti per i singoli clienti e le imprese.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684