Cultura, morto a Roma il giornalista Giampaolo Pansa - QdS

Cultura, morto a Roma il giornalista Giampaolo Pansa

redazione web

Cultura, morto a Roma il giornalista Giampaolo Pansa

domenica 12 Gennaio 2020 - 22:49
Cultura, morto a Roma il giornalista Giampaolo Pansa

Aveva 84 anni e nella sua lunga carriera aveva scritto sui maggiori giornali italiani. Dotato di un grande gusto per la provocazione, aveva scritto anche romanzi e saggi in gran parte incentrati sugli anni della guerra partigiana

E’ morto il giornalista Giampaolo Pansa, aveva 84 anni. Piemontese di Casal Monferrato, sposato e separato, Pansa è morto a Roma assistito dalla sua compagna, la scrittrice Adele Grisendi.

Nel 2016 aveva perso il figlio Alessandro, ex ad di Finmeccanica morto di malattia a 55 anni.

Giornalista autorevole, dalla Stampa al Corriere della Sera e Repubblica (di cui fu anche vicedirettore), passando per il settimanale Panorama e l’Espresso e poi ancora il Messaggero e il Giornale, un grande gusto per la provocazione, è stato anche storico, autore di romanzi e saggi in gran parte incentrati sugli anni della guerra partigiana, un argomento che era stato anche al centro della sua tesi di laurea in Scienze Politiche , dove era stato allievo dello storico Alessandro Galante Garrone.

Dagli esordi torinesi con un memorabile reportage sulla Strage del Vajont agli articoli sull’attentato di Piazza Fontana e quelli sullo scandalo Lockheed , nella sua lunga carriera ha messo a segno tanti colpi.

Sua per esempio l’espressione “Balena Bianca” per definire la democrazia cristiana.

Alla fine degli anni Ottanta del Novecento lanciò dalle pagine di Panorama la sua celebre rubrica “Il Bestiario”, che poi portò sull’Espresso e infine su Libero.

Tra i libri più noti, “Il Sangue dei vinti”, nel quale mette a punto le sue idee poi accusate di revisionismo sulla Resistenza , “Bella Ciao, controstoria della Resistenza”.

Provocatore fino all’ultimo con un autoritratto intitolato “Quel fascista di Panza” e poi con un pamphlet su Salvini “ritratto irriverente di un seduttore autoritario”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684