Cuoco ucciso a Modica, arrestato un carabiniere - QdS

Cuoco ucciso a Modica, arrestato un carabiniere

redazione web

Cuoco ucciso a Modica, arrestato un carabiniere

lunedì 15 Giugno 2020 - 18:42

La magistratura inquirente, ci sono sue tracce biologiche su luogo del delitto. Dietro l'omicidio ci sarebbe un movente passionale, visti i rapporti precedenti tra il militare e la vittima. Determinante l'apporto del Ris di Messina

Un carabiniere di 39 anni, Marco Corallo, è stato arrestato per l’omicidio del cuoco Giuseppe Lucifora di 57, trovato morto in circostanze misteriose, chiuso a chiave in una stanza della sua abitazione di Modica, il dieci novembre del 2019.

Lo ha disposto il Gip su richiesta della Procura di Ragusa dopo i risultati della perizia autoptica e degli esami sui reperti biologici e tossicologici incrociati tra quelli ritrovati sul luogo del delitto e il principale sospettato sulle quali si erano concentrate quattro mesi fa le attenzioni dei Carabinieri e del sostituto procuratore Francesco Riccio.

Marco Corallo era stato sottoposto, a metà dello scorso febbraio, a un lungo interrogatorio alla presenza dei suoi legali, ma il militare, in servizio nella caserma di Buccheri, Comune del Siracusano, e residente a Giarratana (Ragusa), aveva sempre escluso la sua presenza sul luogo dell’omicidio il giorno dell’uccisione di Peppe Lucifora, sostenendo invece di averlo incontrato nei giorni precedenti.

Dal giorno dell’interrogatorio e dell’iscrizione nel registro degli indagati il militare era stato sospeso dal servizio e dichiarato “temporaneamente non idoneo al servizio militare incondizionato”.

Ma i suoi colleghi hanno continuato a indagare su di lui che si era difeso dalle accuse respingendole ribadendo la sua totale estraneità nella morte di Lucifora.

In questi mesi è rimasto il maggiore sospettato sino a quando il riscontro scientifico dell’esame autoptico e degli esami biologici rinvenuti nella stanza di Lucifora avrebbero fornito elementi utili per ricondurre, secondo l’accusa, la presenza del carabiniere in quella abitazione nell’arco di tempo in cui il delitto è stato consumato.

Secondo i risultati dell’autopsia, qualcuno aveva colpito Lucifora con violenza tanto da fargli perdere i sensi e lo aveva soffocato strangolandolo con la mano destra. Lucifora venne trovato parzialmente svestito.

Secondo l’accusa “i motivi del gesto sono da ricondurre a verosimile movente passionale” visti i rapporti precedenti tra il carabiniere e la vittima.

A eseguire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Ragusa, Eleonora Schininà, su richiesta del sostituto procuratore Francesco Riccio, sono stati i colleghi dell’indagato del nucleo Investigativo del comando provinciale di Ragusa e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Modica.

All’identificazione di Corallo gli investigatori sono giunti anche grazie “al determinante apporto del reparto speciale dell’Arma preposto alle investigazioni scientifiche, il Ris di Messina”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684