Da Forza Italia proposta di legge sulla baraccopoli di Messina - QdS

Da Forza Italia proposta di legge sulla baraccopoli di Messina

redazione

Da Forza Italia proposta di legge sulla baraccopoli di Messina

venerdì 21 Febbraio 2020 - 18:25
Da Forza Italia proposta di legge sulla baraccopoli di Messina

L'idea è quella di mettere a disposizione 250 milioni di euro per il risanamento e di nominare commissario straordinario il sindaco della città dello stretto, Cateno De Luca. L'annuncio è arrivato dal deputato nazionale messinese, Matilde SIracusano

“Ho appena depositato alla Camera dei Deputati la proposta di legge a mia prima firma con ‘Disposizioni per la gestione dell’emergenza legata al risanamento dei nuclei abitativi degradati nella città di Messina’. È stata sottoscritta dalla capogruppo di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini, dal capogruppo di Fratelli d’Italia a Montecitorio, Francesco Lollobrigida, dal vice capogruppo della Lega alla Camera, Alessandro Pagano, e da numerosi parlamentari di Forza Italia, Lega e FdI”.

Lo ha annunciato il deputato nazionale messinese di Fi Matilde Siracusano che ha aggiunto: “la proposta di legge affronta il problema socio-ambientale più grave in cui si dibatte ancora la città di Messina: la presenza di oltre 70 baraccopoli nel centro urbano del Comune. Un reticolato di casette e unità abitative ‘provvisorie’, malsane, coperte da eternit che sprigionano letali fibre d’amianto, senza fognature e senza alcun servizio o quasi, e che si è andato estendendo negli anni. Si tratta di insediamenti nei quali vivono circa 8mila persone in condizioni di estremo degrado, che rappresentano una vera e propria emergenza igienico-sanitaria, sociale e ambientale”.

In particolare, la proposta di legge – che stanzia 250 milioni di euro per gli anni 2020, 2021 e 2022 – prevede: la nomina, quale commissario straordinario, del sindaco di Messina, che per l’esercizio dei compiti assegnati si potrà avvalere dell’Agenzia per il risanamento e la riqualificazione urbana della città (A.Ris.Me); l’istituzione di Zes al fine di favorire la ripresa e lo sviluppo delle attività imprenditoriali e degli investimenti all’interno dell’area del comune.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684