Dal 1974 scomparse 270.000 persone in Italia, ma il 60% vengono ritrovate - QdS

Dal 1974 scomparse 270.000 persone in Italia, ma il 60% vengono ritrovate

Web-al

Dal 1974 scomparse 270.000 persone in Italia, ma il 60% vengono ritrovate

Web-al |
giovedì 07 Ottobre 2021 - 16:13

Lo ha detto il prefetto Silvana Riccio, commissario del Governo per le persone scomparse

“Dalla nostra banca dati risulta che sono 270.000 le persone scomparse in Italia dal 1974 a oggi e il tasso di ritrovamento è di circa il 60%. E’ anche del 60% il dato riferito ai minori scomparsi, in stragrande maggioranza di origine straniera e arrivati in Italia non accompagnati e per i quali denunciano la scomparsa i centri di accoglienza che li ospitano o i loro tutori legali”. Lo ha detto il prefetto Silvana Riccio, commissario del Governo per le persone scomparse, oggi in prefettura a Pisa dopo la seconda esercitazione nazionale in città per testare i modelli di ricerca e di risposta di fronte a un’emergenza degli enti coinvolti.

Le parole di Silvana Riccio

“In Europa – ha aggiunto Riccio – la nostra struttura commissariale in seno al ministero dell’Interno è considerata una best practice e siamo visti come un modello da seguire da molti Paesi europei perché abbiamo saputo creare una sinergia tra forze di polizia e altre istituzioni capace di assicurare risposte tempestive ed efficaci”.

L’esercitazione si è svolta nell’area di San Rossore simulando la ricerca di una donna e, ha concluso Riccio, “impiegando anche due elicotteri della guardia di finanza dotati di un apparecchio capace di rilevare sul terreno la presenza di telefoni cellulari anche quando sono spenti: uno strumento in dotazione anche alle squadre di terra dei vigili del fuoco che risulta molto utile e spesso decisivo nelle attività di ricerca delle persone scomparse”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684