Dal cibo ai droni, ecco come arrivano i telefonini in carcere - QdS

Dal cibo ai droni, ecco come arrivano i telefonini in carcere

redazione

Dal cibo ai droni, ecco come arrivano i telefonini in carcere

martedì 06 Ottobre 2020 - 17:32
Dal cibo ai droni, ecco come arrivano i telefonini in carcere

Secondo quanto rivelato da GNews, quotidiano del Ministero della Giustizia, nei primi mesi del 2020 sono stati scovati quasi 1.800 apparecchi, requisiti dietro le sbarre oppure bloccati prima del loro ingresso. Al Pagliarelli di Palermo un detenuto ha ingoiato un microcellulare

ROMA – Camuffati nel cibo, sistemati negli indumenti intimi, ingoiati, nascosti nel corpo, inseriti in un pallone per poi essere lanciati, trasportati da un drone, collocati nel fondo delle pentole. Nell’ultimo anno si sono registrati sempre più tentativi di introdurre microtelefonini all’interno delle strutture carcerarie: nei primi 9 mesi del 2020 sono stati 1761 gli apparecchi rinvenuti nelle carceri italiane, requisiti all’interno o bloccati prima del loro ingresso. Nello stesso periodo del 2019 erano stati 1206 mentre, nel 2018, se ne erano registrati 394. I numeri parlano di un fenomeno in crescita. A segnalarlo è GNews, quotidiano del ministero della Giustizia, segnalando comportamenti che – alla luce delle norme introdotte dal dl Sicurezza varato ieri dal Consiglio dei ministri – diventano ora un reato a tutti gli effetti.

Tra gli episodi più recenti, quello del 3 settembre scorso, quando un pallone con all’interno 16 telefonini è stato trovato all’esterno del muro perimetrale del carcere di Avellino. Il 25 settembre a Roma-Rebibbia due micro-telefoni e un caricabatteria sono stati rinvenuti nascosti all’interno di tre pezzi di formaggio e nel carcere di Benevento erano invece occultati in due salami. A Secondigliano, durante il lockdown, un drone si è schiantato contro uno dei muri del carcere mentre cercava di recapitare due piccoli involucri contenenti smartphone e microcellulari. Ad Avellino una batteria di casseruole conteneva i cellulari nel fondo delle stoviglie.

Nel carcere Pagliarelli di Palermo un detenuto ha ingoiato un microcellulare mentre nel febbraio del 2019 gli agenti hanno bloccato un detenuto al rientro da un permesso che aveva nascosto 4 telefonini nello stomaco. Alcuni telefonini sono stati trovati, a Carinola, addosso ad un sacerdote che doveva celebrare la messa domenicale nell’istituto ed era pronto a portarli ai detenuti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684