Denise Pipitone, intercettato avvocato Frazzitta, rischia provvedimento disciplinare - QdS

Denise Pipitone, intercettato avvocato Frazzitta, rischia provvedimento disciplinare

web-iz

Denise Pipitone, intercettato avvocato Frazzitta, rischia provvedimento disciplinare

web-iz |
mercoledì 06 Ottobre 2021 - 11:46

Dopo le indagini sull'ex pm Maria Angioni, anche il legale di Piera Maggio rischia provvedimenti disciplinari per alcune frasi pronunciate contro i magistrati.

L’Associazione nazionale magistrati di Palermo ha inviato al Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Marsala una nota in cui chiede di valutare l’apertura di un procedimento disciplinare a carico di Giacomo Frazzitta, penalista di Marsala che difende Piera Maggio, la mamma della piccola Denise, scomparsa l’1 settembre 2004 da Mazara del Vallo.

Le accuse ai magistrati nelle intercettazioni

L’Anm sollecita l’attenzione dell’Ordine in particolare sulle parole pronunciate, contro i magistrati, da Frazzitta al telefono con una sedicente testimone del caso Denise. Il presidente degli avvocati di Marsala dovrà però trasmettere l’esposto ai colleghi di Caltanissetta visto che Frazzitta è consigliere dell’ordine a Marsala. Saranno i legali nisseni dunque, attraverso il loro collegio di disciplina, a fare l’istruttoria, chiedendo anche alla Procura la trasmissione degli atti.

“Sono puerili. Perché i magistrati fanno schifo cara signora. – diceva Frazzitta alla teste, poi rivelatasi falsa, non sapendo che la telefonata era intercettata -. I magistrati fanno schifo in Italia lo dobbiamo dire e sta succedendo anche nel caso Denise. Se ne stanno andando a indagare la collega. Quale è l’urgenza?”. Il riferimento è all’inchiesta sulla ex pm Maria Angioni che, dopo aver denunciato depistaggi sulla inchiesta originaria sulla scomparsa di Denise, si è ritrovata indagata per false informazioni a pm.

L’avvocato Frazzitta accusato anche da Anna Corona

Le parole di Frazzitta sono finite nella richiesta di archiviazione dell’indagine sulla scomparsa di Denise aperta dai pm di Marsala a carico, tra gli altri, di Anna Corona, ex moglie del padre naturale della bambina e di una coppia di romani che, mentendo, aveva raccontato di essere a conoscenza di particolari utili alla inchiesta.

Le false testimonianze di Allegrini ed Erba

Nel provvedimento la Procura chiede l’archiviazione per i falsi testi, Antonella Allegrini e Paolo Erba, perchè, smascherati da una serie di accertamenti a riscontro delle loro dichiarazioni, hanno confessato di aver mentito facendo venir meno il reato di false dichiarazioni a pm. Dopo aver scoperto le menzogne dei due, i pm li convocarono. La donna, terrorizzata, chiamò Frazzitta.

Le loro telefonate vennero intercettate. “L’avvocato anziché assumere un atteggiamento neutro e di prudenziale attesa, non potendo essere a conoscenza della falsità delle dichiarazioni della donna – hanno scritto i pm in una durissima parte dedicata al legale – reagiva con rabbia esprimendo giudizi pesanti sui magistrati”. Spaventata dalla convocazione in Procura e avendo capito che i magistrati non credevano al suo racconto, la Allegrini, inoltre, telefonò a Frazzitta dicendogli che non avrebbe potuto presentarsi a Marsala perché doveva andare in vacanza.

“E aderendo criticamente alle ragioni della donna tra le quali quella di non volersi presentare a Marsala perché la cosa avrebbe potuto compromettere una vacanza – scrivono i pm nella richiesta di archiviazione – Frazzitta la invitava ad addurre fantomatiche urgenze di lavoro”.

“Lei la cosa della vacanza non ce la deve dire, per favore, non gliela dica la prego, ascolti quello che le dice un fratello. Lei deve dire che avete impegni importanti”, le dice l’avvocato. Che prosegue riferendosi ai pm: “Hanno un’arroganza che sono capaci di arrestarmi, loro sono i padroni del mondo”. L’archiviazione, infine, è stata chiesta anche per la Corona, sulla quale, nonostante siano state fatte accurate indagini, non sarebbero emersi elementi utili a sostenere l’accusa.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684