Denise Pipitone, niente indizi nella casa, parla il Vescovo - QdS

Denise Pipitone, niente indizi nella casa, parla il Vescovo

redazione web

Denise Pipitone, niente indizi nella casa, parla il Vescovo

giovedì 06 Maggio 2021 - 08:03

"Nessuna traccia della bimba" nell'abitazione di Anna Corona. Ieri manifestazione a Mazara. Monsignor Mogavero, "Chi l'ha rubata rompa il silenzio e le dia pace". Il sindaco Quinci, "Basta silenzi"

Nessuna traccia della piccola Denise Pipitone nella palazzina di via Pirandello a Mazara del Vallo.
Questo l’esito della lunga ispezione eseguita ieri nell’appartamento che ospitò fino a pochi anni fa Anna Corona, la madre della sorellastra della bimba scomparsa il primo settembre del 2004.

I Vigili del fuoco e i Carabinieri del Ris sono stati al lavoro fino alle 20.15 nella palazzina, cercando anche con le carte del catasto alla mano, eventuali tracce di lavori di muratura fatti negli ultimi anni.

Controlli anche nel garage e in una botola, con un pozzo.

Era stata una segnalazione, non anonima, a indicare agli investigatori alcune notizie ritenute “molto interessanti”.

Intanto oltre cinquecento persone hanno partecipato ieri sera a Mazara del Vallo alla fiaccolata “Insieme per Denise”, in piazza della Repubblica, stringendosi attorno ai genitori della piccola Denise.

“Questa piazza così piena – a detto monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara -, pur nel rispetto delle norme anti Covid-19, stasera vuole dire che è ora di finirla. Chi ha rubato Denise si ricordi che sono uomini e donne. Se hanno un cuore diano finalmente pace ai genitori e a tutta l’Italia intera. Rompano il silenzio”.

“Questi diciassette anni di silenzio sono insopportabili – ha detto il sindaco Salvatore Quinci – c’è una Mazara che non sopporta più e che insieme ai genitori vuole la verità”.

Poi l’appello di Piera Maggio a chi ha rapito la sua piccola: “Fatevi coraggio, non potete tenervi sulla coscienza cosa è successo. Denise è figlia di questa città e dobbiamo proteggerla”.

E l’avvocato della famiglia, Giacomo Frazzitta, ha ribadito che chi ha preso Denise non è un extraterrestre, “è un umano”.

Poi l’invito ai mazaresi: “Diventate investigatori anche voi. La verità su Denise è dentro questa città, non da altre parti”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684