Dieci punti di sutura al volto per la bimba aggredita da un cane - QdS

Dieci punti di sutura al volto per la bimba aggredita da un cane

redazione web

Dieci punti di sutura al volto per la bimba aggredita da un cane

giovedì 17 Dicembre 2020 - 07:51

Si è svegliata serena stamattina la bambina di quattro anni ricoverata nell'ospedale di Modica dopo esser stata morsicata su una guancia da un rottweiler a Pozzallo, nel Ragusano. La piccola aveva provato ad accarezzare l'animale

Si è svegliata serena la bambina di quattro anni azzannata ieri pomeriggio a una guancia da un cane.

L’equipe del reparto chirurgia dell’ospedale maggiore di Modica, diretta dal primario Goffredo Caldarera , che ha assistito la piccola, assicura che il decorso post operatorio non presenta rischi.

Ma se le condizioni generali della bimba, ancora scossa dall’accaduto, non destano preoccupazioni, è ancora presto per comprendere, come hanno sottolineato i medici, quali potrebbero essere le conseguenze estetiche del morso in una zona delicata come il volto.

La bimba, inoltre, ha un’altra ferita alla gola.

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, la piccola aveva provato ad accarezzare il cane ma l’animale l’ha improvvisamente aggredita.

Non è ancora chiaro se il cane, che appartiene alla famiglia della bambina, in passato, avesse avuto atteggiamenti aggressivi.

Sulla vicenda stanno comunque indagando le forze dell’ordine che hanno avviato accertamenti.

Il rottweiler è una razza canina molossoide selezionata nella cittadina tedesca di Rottweil sul fiume Neckar nel corso del XIX secolo, dove questo cane era utilizzato per la custodia delle carni dei macellai e per il traino di piccoli carri utilizzati per il trasporto delle merci. È di colore nero focato con pelo corto e duro. Il peso varia da circa 50 kg del maschio a circa 42 kg della femmina.
Questa razza era tra quelle elencate nella Lista delle razze canine pericolose[3], attualmente non più in vigore dopo l’ordinanza Martini del 2009 dove non si fa più riferimento all’aggressività del cane in base alla razza d’appartenenza.

Nel giugno di quattro anni fa un altro bambino, di dieci anni, era stato azzannato da un cane nel Ragusano ed era stato necessario portarlo in elicottero all’ospedale Cannizzaro di Catania per farlo operare d’urgenza.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684