Dissalatore a mezzo servizio. Lipari rischia una crisi idrica - QdS

Dissalatore a mezzo servizio. Lipari rischia una crisi idrica

redazione

Dissalatore a mezzo servizio. Lipari rischia una crisi idrica

martedì 07 Gennaio 2020 - 00:00
Dissalatore a mezzo servizio. Lipari rischia una crisi idrica

Da novemila tonnellate di acqua si è scesi a duemilacinquecento, Necessari lavori per il prolungamento di una condotta sottomarina. Si potrebbe tornare nuovamente ai rifornimenti con le navi cisterna

Il dissalatore di Lipari non può funzionare a pieno regime perché ha una condotta sottomarina che arriva solamente a dieci metri dalla spiaggia più popolare dell’isola e c’è rischio inquinamento del mare. Così, invece di funzionare a pieno regime erogando giornalmente novemila tonnellate di acqua, nei serbatoi ne finiscono non più di 2.500, e si prospetta nuovamente crisi idrica. Si potrebbe ritornare così ai rifornimenti con le navi cisterna, in attesa che siano fatti i lavori di prolungamento della condotta a settecento metri dalla battigia, come previsto per legge.

Marco Giorgianni

A descrivere la situazione è stato il sindaco di Lipari Marco Giorgianni. “Il problema – ha sottolineato – è che il dissalatore ha smesso l’attività perché vi era un’autorizzazione solo temporanea. Per produrre a pieno regime, il dissalatore deve utilizzare determinate procedure ripristinando lo scarico a settecento metri. Ma questo non è stato mai fatto”.

“La Regione – ha aggiunto – deve fare un intervento ma non ha i soldi. L’Arpa vuole i settecento metri. Io dovrei emettere ordinanza per emergenza idrica, nell’attesa di fare i lavori dell’allungamento della condotta di scarico. Ma solo avendo la certezza di un inizio e fine lavori firmerò l’ordinanza. La balneazione in quella zona di scarico di Canneto non deve correre rischi”.

“L’esperienza – ha concluso – insegna che le promesse non vengono mantenute. Il Comune di Lipari è il cliente. Se il dissalatore non è in condizione di produrre l’acqua necessaria si attivi il servizio con le navi cisterna per fornire le quantità necessarie”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684