Dissesto idrogeologico Cefalù, al via lavori sulla strada Ferla - QdS

Dissesto idrogeologico Cefalù, al via lavori sulla strada Ferla

web-dr

Dissesto idrogeologico Cefalù, al via lavori sulla strada Ferla

web-dr |
lunedì 29 Marzo 2021 - 11:32

Tempi record per l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore Nello Musumeci: in soli due mesi dalla chiusura della gara per i lavori sulla strada Ferla di Cefalù, nel Palermitano – prevista per il 18 gennaio scorso – c’è già l’aggiudicazione e, dopo gli ultimi accertamenti, il cantiere è pronto ad aprire

Ancora pochi giorni dunque e l’Icogei srl di Maletto, che effettuerà l’intervento in ragione di un ribasso del 28,7 per cento, accenderà i motori, restituendo la piena e sicura fruibilità di un tracciato divenuto, con il passare del tempo e per effetto di una serie di frane, molto pericoloso. Il ripristino della viabilità in questo collegamento è la notizia che tutto il comprensorio attendeva, dopo decenni di disagi.

La strada Ferla – come viene da tutti indicata – dall’omonimo bivio lungo la strada statale 113, rappresenta l’unica via di accesso a un’area molto popolata. E’ questo, infatti, l’asse viario che unisce diverse contrade limitrofe e che ha subìto importanti fenomeni di dissesto a causa di movimenti franosi sul versante che attraversa. 

Il percorso in questione oggi può contare su una sola corsia: è il risultato dei restringimenti dovuti agli smottamenti ancora visibili in più punti. E’ per questo che, a intervalli regolari e per ragioni di prudenza, il transito è stato interrotto, con tutti i problemi che è facile immaginare per un’utenza assidua in tutti i mesi dell’anno e non solo d’estate.

Diverse le fessurazioni e le lesioni presenti nella pavimentazione stradale e nei muri di sostegno e non è un caso se la larghezza della carreggiata si è ridotta ormai a soli tre metri. Il progetto prevede il rifacimento del manto stradale e la costruzione di una paratia lunga quaranta metri, a valle della carreggiata, con pali in cemento armato sistemati su una fila e un cordolo di collegamento.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x