“Dl Cura Italia, scarsa attenzione a settore pesca” - QdS

“Dl Cura Italia, scarsa attenzione a settore pesca”

redazione

“Dl Cura Italia, scarsa attenzione a settore pesca”

giovedì 26 Marzo 2020 - 00:00
“Dl Cura Italia, scarsa  attenzione a settore pesca”

Lo dice Gabriella Giammanco, portavoce di Forza Italia in Sicilia.“Più tutele grazie a emendamento che ho presentato”

PALERMO – “Dal Governo serve più attenzione al settore della pesca, uno dei più colpiti dall’emergenza Coronavirus. Ci sono intere zone d’Italia, come la Sicilia, in cui l’andamento di questo settore incide profondamente sull’economia locale e perciò sulle vite dei cittadini. Peccato però che il Decreto “Cura Italia” non dia la giusta attenzione a questo comparto. Ho presentato, quindi, un emendamento che riconosca maggiore dignità alla pesca e permetta di recepire le nuove indicazioni che ci provengono dall’Europa in merito”.

Lo afferma in una nota Gabriella Giammanco, vicepresidente di Forza Italia in Senato e portavoce azzurra in Sicilia.
“Il mio emendamento mira a far sì che il decreto del Ministro per le politiche agricole previsto dal decreto, che ripartisce un Fondo di 100 milioni di euro per le misure in favore del settore agricolo – aggiunge -, le ripartisca anche al settore della pesca e si riferisca quindi non solo, come oggi previsto, ai regolamenti europei Ue relativi al settore agricolo ma anche a quello concernente gli aiuti de minimis previsti proprio per la pesca per l’anno 2020. Parliamo degli aiuti pubblici concessi alle aziende dall’Ue che quest’anno, a causa dell’emergenza, sono passati da 30 a 120.000 euro. In particolare, la mia proposta prevede che il decreto del ministro, che ripartirà le somme stanziate, dovrà tenere conto dei maggiori limiti di aiuto ammissibili indicati dalla comunicazione della Commissione Ue sugli aiuti di Stato del 19 marzo 2020, che appunto ha innalzato la quota a 120.000 euro. Mi auguro perciò che, aumentando il limite di aiuti Ue ammesso, le risorse interne vengano trovate e messe a disposizione al più presto perché se così non fosse sarebbe paradossale”, conclude Giammanco.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684