Droga, operazione "Pablito" a Misilmeri, nel palermitano - QdS

Droga, operazione “Pablito” a Misilmeri, nel palermitano

Giuseppe Lazzaro Danzuso

Droga, operazione “Pablito” a Misilmeri, nel palermitano

mercoledì 16 Ottobre 2019 - 07:35
Droga, operazione “Pablito” a Misilmeri, nel palermitano

Dopo cinque mesi di indagini dei Carabinieri otto le misure cautelari, con arresti anche in flagranza di reato. Per telefono gli supefacenti chiamati con termini convenzionali come croccantini" e "lenticchie"


Cinque mesi di indagini, otto ordinanze di misure cautelari per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

È il bilancio dell’operazione denominata “Pablito”, con cui i Carabinieri sono riusciti a smantellare la filiera dello spaccio che riforniva di hashish la piazza di Misilmeri (Palermo).

Tre degli indagati sono stati condotti nella Casa Circondariale di Termini Imerese: Salvatore Baiamonte 47 anni, Matteo Algozzino, 41 anni, e Giuseppe Pizzo di 25; il quarto, Pietro Perez, 31 anni è agli arresti domiciliari, mentre ad altri tre indagati è stata notificata la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza, nonché dell’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria.
L’ottavo indagato infine, il diciottenne B.G. che però all’epoca dei fatti era ancora minorenne, si trova nel carcere minorile “Malaspina” di Palermo.

L’attività investigativa, condotta dai carabinieri della compagnia di Misilmeri e coordinata dalla procura di Termini Imerese, attraverso pedinamenti e servizi di osservazione ha consentito di documentare oltre 600 episodi di spaccio da parte degli indagati nei confronti di ragazzi, molti dei quali minorenni.

I pusher facevano capo a Salvatore Baiamonte il quale si riforniva di ingenti quantitativi di hashish da alcuni “grossisti” palermitani tra i quali Giuseppe Pizzo e Matteo Algozzino.

Gli indagati, per fare riferimento allo stupefacente per telefono, utilizzavano termini convenzionali come “croccantini”, “cose marroni”, “lenticchie”, “pigiamini”.
Durante le indagini i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato tre persone, sequestrato circa settecento grammi di hashish e segnalato alla prefettura decine di clienti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684