Emergenza Coronavirus, Palermo cerca di evitare il coprifuoco - QdS

Emergenza Coronavirus, Palermo cerca di evitare il coprifuoco

redazione

Emergenza Coronavirus, Palermo cerca di evitare il coprifuoco

mercoledì 21 Ottobre 2020 - 16:38
Emergenza Coronavirus, Palermo cerca di evitare il coprifuoco

A Palermo non ci dovrebbe essere il coprifuoco, ma il divieto ai pedoni di sostare a partire dalla zona del centro storico. Il provvedimento del sindaco Leoluca Orlando, in vigore nel fine settimana dalle 21 a mezzanotte, è in fase di preparazione e dovrebbe essere pronto già venerdì, a seguito del nuovo decreto del governo Conte per provare ad azzerare gli assembramenti.

Domani e venerdì è in programma il Comitato per l’ordine e la sicurezza insediato in Prefettura. Orlando tenta la strada di ridurre il rischio contagio della movida, la circolazione non sarà limitata ma va impedita ogni forma di assembramenti davanti ai pub e ai locali affollati soprattutto da giovani. Se non ci fossero le risposte che si attendono si chiuderanno le piazze e le vie più frequentate a Palermo, come via Maqueda, piazza Sant’Anna, la Vucciria, piazza Magione e le strade limitrofe a via Libertà, piazza Politeama, via Principe di Belmonte e piazzetta Bagnasco, dove la presenza di locali è più numerosa.

Si potrà andare nei bar e nei ristoranti, tornare a casa o andare a casa di amici, ci si potrà muovere senza limitazioni ma nel rispetto delle regole del distanziamento: alcool ai tavoli a partire dalle 21, ma non si potrà sostare a bere o mangiare. Si sta valutando di includere anche nelle zone off Mondello e altre borgate.

L’obiettivo del sindaco Orlando è quello di impedire che ci siano affollamenti con il coinvolgimento della questura e il supporto delle altre forze dell’ordine compresa la polizia municipale. Inoltre, dalla prossima settimana nelle ville e nei giardini comunali si tornerà alla prenotazione come avvenne a maggio e chi pratica sport potrà entrare nei parchi recintati entro 9. Tornano le prenotazioni anche al mercato ortofrutticolo. Vietate fiere e mercatini: quest’anno salterà anche la tradizionale Fiera dei Morti.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684