Etna, nella notte getti di lava alti fino a duemila metri - QdS

Etna, nella notte getti di lava alti fino a duemila metri

Giuseppe Lazzaro Danzuso

Etna, nella notte getti di lava alti fino a duemila metri

martedì 23 Febbraio 2021 - 07:02
Etna, nella notte getti di lava alti fino a duemila metri

Gli studiosi dell'Ingv hanno seguito questo nuovo parossismo che, come ipotizzato dai vulcanologi, sembra ciclico: "E' il solito copione" ha commentato Behncke. GUARDA LA GALLERY

Nuova notte di spettacolo per l’Etna, con getti di lava alti fino ai duemila metri, come sempre dal cratere di Sud est.

Stamattina il vulcano si presenta con un vistoso pennacchio di cenere, visibile anche da Taormina e dalla Sicilia del Sud est.

La nottata è stata piuttosto movimentata per gli scienziati e anche per tutti coloro i quali che, grazie alla grande visibilità di questi giorni, hanno tenuto gli occhi puntati sulle zone sommitali dell’Etna, magari realizzando fantastiche immagini fotografiche come quelle che vi mostriamo nella nostra gallery.

Il sipario si alza dopo le 22

Il “sipario” si è alzato, a quanto hanno rilevato i sistemi di sorveglianza dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, osservatorio etneo, alle 22.05 di ieri.

“Sta procedendo secondo il solito copione” ha commentato il vulcanologo dell’Ingv Boris Behncke. Nei giorni scorsi, infatti, gli studiosi avevano ipotizzato che il fenomeno parossistico al quale l’Etna ci ha abituato negli ultimi tempi, potesse verificarsi ciclicamente, più o meno ogni 36 ore. E così è stato.

Le spettacolari immagini della nottata

Tra la notte scorsa e stamattina sono state scattate diverse immagini estremamente spettacolari dell’Etna che abbiamo raggruppato in questa gallery. Sono firmate da Orazio Valenti – tra l’altro autore del libro “Il mio Omaggio al Mongibello”, con oltre settecento foto del vulcano – e da Graziella Nigro e ci sono anche quelle giunte dalle telecamere di sorveglianza dell’Ignv e dal satellite.

Foto Nigro
Foto Ingv
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto Valenti
Foto satellite

I frequenti comunicati dell’Ingv

Nel comunicato dell’Ing delle 22,15 si sottolineava come l’ampiezza media del tremore vulcanico mostrasse “valori elevati con tendenza all’incremento” e la sorgente del tremore fosse “localizzata al di sotto del Cratere di Sud est”.

Venti minuti dopo un’altra nota dell’Ingv dava notizia dell’aertura di “una seconda bocca all’interno del Cratere di Sud est che produce una attività di fontana di lava” e di un trabocco alle 22.28 in direzione della Valle del Bove.

“E’ partita una colata e si stanno attivando altre bocche, da quelle orientali verso la ‘sella’” aveva confermato Boris Behncke.

Getti di lava fino a duemila metri

Pochi minuti dopo un altro comunicato dell’Osservatorio Etneo per confermare ciò che tutti coloro i quali avevano gli occhi puntati sulla cima della “muntagna” vedevano: dalle 23.30 l’attività si era intensificata, “generando getti di lava alti fino a mille metri sopra il Cratere di Sud est”.

Ciò aveva prodotto “una colonna eruttiva che si è alzata per diversi chilometri rispetto alla cima dell’Etna”, anche se un quarto d’ora dopo mezzanotte si era avuta “una repentina diminuzione della fontana di lava”.

E stamattina, parlando con il Qds.it, il vulcanologo Boris Behncke ha sottolineato come, “grazie a una più precisa misurazione con altri strumenti, le fontane di lava siano arrivate fino a millecinquecento e anche duemila metri sopra il Sud est”.

Il tremore vulcanico

L’ampiezza media del tremore vulcanico, “dopo aver raggiunto il suo valore massimo poco prima della mezzanotte, aveva subito un repentino decremento, pur mantenendosi nella fascia dei valori elevati”.

Due colate laviche

Intanto continuava l’attività effusiva da due flussi lavici, “che si sovrappongono alle colate degli episodi precedenti”.

Un nuovo “incremento in frequenza e intensità dell’attività stromboliana, accompagnata da emissione di cenere, al Cratere di Sud est”, con lancio di materiale piroclastico fino a un’altezza di trecento metri a partire dalle tre e cinquanta di stamattina, era stato segnalato nel comunicato delle quattro e mezzo.

Poi l’alba, e il grandioso pennacchio di cenere.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684