Eurodeputati centrodestra: “Tutelare marinerie siciliane” - QdS

Eurodeputati centrodestra: “Tutelare marinerie siciliane”

Raffaella Pessina

Eurodeputati centrodestra: “Tutelare marinerie siciliane”

sabato 05 Ottobre 2019 - 00:00
Eurodeputati centrodestra:  “Tutelare marinerie siciliane”

Milazzo (Fi/Ppe), Tardino (Lega/Id), Stancanelli (FdI/Ecr). “Settore penalizzato anche da decisioni dell’Ue”

BRUXELLES – “Le politiche dell’Ue penalizzano l’attività di pesca delle marinerie che operano nel Canale di Sicilia e l’entrata in vigore del Regolamento Ue 2019/982 “ha di fatto bloccato la pesca con gravi conseguenze per il comparto”. È quanto dichiarano in una nota congiunta gli eurodeputati siciliani, Giuseppe Milazzo (Forza Italia/Ppe), Annalisa Tardino (Lega/Id) e Raffaele Stancanelli (Fratelli d’Italia/Ecr) componenti della commissione Pesca del Parlamento Europeo, che hanno scritto al ministro al ramo Terranova e al sottosegretario L’Abbate che hanno chiesto al Governo di “farsi portavoce delle istanze di un settore che ha, negli anni, fortemente contribuito al conseguimento degli obiettivi di conservazione delle risorse, e che oggi viene fortemente penalizzato da decisioni europee ed internazionali”. L’appello avviene a ridosso dell’imminente sessione annuale della Conferenza delle Marinerie prevista ad Atene dal 4 all’8 novembre in cui si discuterà di proporre, affermano i tre eurodeputati, un piano pluriennale per la pesca sostenibile nel Mar Ionio, penalizzante per la Sicilia. L’obiettivo è quello di arrivare ad una revisione nel 2020 del divieto di pesca entrato in vigore prima dell’estate.

A proposito di marinerie, oggi l’eurodeputato del M5s, Ignazio Corrao, sarà a Mazara del Vallo per discutere di un impegno interistituzionale a salvaguardia e promozione del comparto. “Le nostre marinerie – spiega Corrao – hanno subito negli anni una contrazione dei propri volumi a causa di una serie di accordi scellerati, di normative nazionali e direttive europee voluti e avallati dalla politica a tutti i livelli, da Roma a Bruxelles. Da anni ho investito la Commissione Europea di prendere in carico la protezione dei pescatori mazaresi che ogni giorno, negli ultimi anni subiscono attacchi sequestri e colpi di mitra”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684