“Dal reddito di cittadinanza 1400 euro al mese, a una ricercatrice 926” - QdS

“Dal reddito di cittadinanza 1400 euro al mese, a una ricercatrice 926”

Raffaella Pessina

“Dal reddito di cittadinanza 1400 euro al mese, a una ricercatrice 926”

giovedì 06 Febbraio 2020 - 18:02
“Dal reddito di cittadinanza 1400 euro al mese, a una ricercatrice 926”

Lo sottolinea il presidente dei senatori di Italia Viva, Faraone: "Il provvedimento non ha tenuto fede al patto sull'occupazione. Povertà e sostegno al lavoro sono due cose diverse"

ROMA – In Italia sono in molti ormai a pensare che il Reddito di cittadinanza, sia solo una forma nascosta di assistenzialismo puro poiché la misura non ha raggiunto l’obiettivo di trovare un lavoro a chi momentaneamente lo percepisce. Oltretutto, si arriva a verificare che chi lavora percepisce meno di chi ha ottenuto il reddito di cittadinanza, creando insoddisfazione e diseguaglianza.

Sulla vicenda è intervenuto il presidente dei senatori di Italia Viva, il siciliano Davide Faraone: “Italia Viva è al fianco della meglio gioventù, dei talenti di questo Paese come Francesca Colavita, la ricercatrice dello Spallanzani di 31 anni che, insieme alle sue colleghe Maria Rosaria Capobianco e Concetta Castilletti, è riuscita ad isolare il Coronavirus, prima in Europa – ha detto Faraone – Ebbene, questa giovane medico guadagna poco più di 900 euro al mese, esattamente 16.762 euro netti lanno. Mentre dallaltra parte c`è chi con il reddito di cittadinanza percepisce un sussidio dello Stato che arriva fino a 1400 euro mensili per stare a casa. Noi crediamo che la povertà e il sostegno al lavoro – ha proseguito Faraone – siano due misure differenti e che sia necessario affrontare queste tematiche con altrettanti provvedimenti distinti. Il reddito di cittadinanza non ha tenuto fede al patto sul lavoro che era contenuto nel senso della misura: Anpal ci dice che solo il 3,6% dei beneficiari ha trovato un impiego. Riteniamo che anche Quota 100 abbia completamente fallito il suo obiettivo, visto che per 10 prepensionamenti solo 4 sono state le nuove assunzioni. La nostra richiesta è chiara: le somme utilizzate per il reddito di cittadinanza vanno destinate ad incentivi per le assunzioni, come la riduzione ulteriore del cuneo fiscale”.

R.P.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684