Farmacia, boom di tamponi anche tra i vaccinati per un Natale sicuro - QdS

Farmacia, boom di tamponi anche tra i vaccinati per un Natale sicuro

web-dr

Farmacia, boom di tamponi anche tra i vaccinati per un Natale sicuro

web-dr |
martedì 21 Dicembre 2021 - 16:51

Super lavoro in farmacia, dove milioni di persone – tra i quali tanti vaccinati – stanno ricorrendo al tampone rapido in vista del Natale.

Ad aumentare il normale carico di lavoro, le tante persone in partenza per ritornare in famiglia per le vacanze, ma anche chi per il 24 e 25, decide di assumere qualche precauzione in più, come testarsi, anche se ha già ricevuto il vaccino.

A descrivere il quadro all’ANSA è Roberto Tobia, segretario Nazionale di Federfarma, che sottolinea come “due terzi dei tamponi fatti ogni giorno in Italia sono processati nelle farmacie”.

Anche a Palermo sono tantissimi i cittadini che chiedono di fare il tampone in farmacia.

“L’aumento c’è un po’ ovunque ma la situazione”, precisa, “è sotto controllo. Le farmacie continuano a rispondere bene come fanno ormai da tempo, perché l’emergenza non è di oggi ma una costante negli ultimi due anni a questa parte”. Anche nei giorni più duri, come quelli a ridosso dell’introduzione del super green pass quando si facevano circa un milione di tamponi al giorno, tolti i molecolari, due terzi erano fatti da noi. Per far fronte abbiamo assunto ulteriore personale e allestito gazebo. Quindi il surplus di lavoro per il Natale non ci spaventa”.

Accanto ai tamponi per i non vaccinati, quello che si osserva è un aumento di tamponi fatti come gesto di generosità verso gli altri. “Molti cittadini, visto l’aumento dei contagi anche tra vaccinati e la variante omicron che imperversa, vogliono testarsi per verificare di non esser positivi asintomatici. E’ un gesto di responsabilità e tutela verso i propri cari, magari più anziani, con cui siederanno a tavola a festeggiare. La maggior parte degli italiani sta mostrando grande senso di maturità”.

Nonostante il pienone, precisa, “non arrivano segnalazioni di particolari criticità, salvo qualche coda in più nei giorni festivi, quando alcune farmacie sono chiuse per il giorno di riposo. Da questo punto di vista, però, ci sono molte differenze tra territorio e territorio. In alcune regioni, ad esempio – conclude – le farmacie fanno tamponi anche fuori dagli orari di apertura, aprono esclusivamente per fare questo”. (ANSA)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684