Favara, omicidio Salvatore Lupo, ex suocero resta in cella - QdS

Favara, omicidio Salvatore Lupo, ex suocero resta in cella

web-mp

Favara, omicidio Salvatore Lupo, ex suocero resta in cella

web-mp |
giovedì 30 Settembre 2021 - 20:31

Giuseppe Barva avrebbe ucciso l'ex genero per motivi economici e per i dissidi scaturiti dopo la separazione con la moglie

Rimane in carcere Giuseppe Barba, 66 anni, l’ex suocero dell’ex presidente del consiglio comunale di Favara, Salvatore Lupo di 45 anni, ucciso nel tardo pomeriggio di Ferragosto all’interno di un bar del paese a colpi di pistola.

La Richiesta di riesame rigettata

I giudici del tribunale della libertà di Palermo hanno confermato l’ordinanza del gip del tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, che aveva convalidato il fermo di indiziato di delitto e ha firmato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di

Il difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, aveva chiesto ai giudici di annullare il provvedimento restrittivo sostenendo, fra le altre cose, una serie di vizi di forma che avrebbero reso nulli gli accertamenti scientifici in quanto eseguiti “in un contesto pieno di contaminazioni”.

Salvatore Lupo ucciso per dissidi economici, le immagini che incastrano l’ex suocero

Secondo gli inquirenti e i carabinieri della tenenza di Favara e della compagnia di Agrigento – coordinati sul campo dal maggiore Marco La Rovere – l’uomo avrebbe ucciso l’ex genero per motivi economici e per i dissidi scaturiti dopo la separazione con la moglie. Dissidi che sono stati accompagnati da denunce, da parte della donna, per stalking e aggressioni.

Giuseppe Barba sarebbe stato tradito dalle immagini di un video, estratto dalle telecamere di un impianto di videosorveglianza, che immortala la sua Fiat Panda mentre effettua un tragitto nella direzione della via IV novembre, dove, in un bar, è stato commesso l’omicidio.

Proprio su quell’auto, grazie all’esame dello Stub, sono state trovate – sul volante in particolar modo – tracce di polvere da sparo che avrebbero confermato i sospetti dei carabinieri tanto da fare scattare, il 9 settembre, il fermo della Procura.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684