Ambiente, “Favignana inquinata dal gasolio, la Regione riferisca” - QdS

Ambiente, “Favignana inquinata dal gasolio, la Regione riferisca”

Raffaella Pessina

Ambiente, “Favignana inquinata dal gasolio, la Regione riferisca”

sabato 22 Febbraio 2020 - 00:00
Ambiente, “Favignana inquinata dal gasolio, la Regione riferisca”

Valentina Palmeri (M5s): “Possibile pericolo per salute dei cittadini”. Perdite di combustibile dalla centrale elettrica. Sembrerebbe che le bonifiche fatte fino ad ora non siano andate a buon fine

PALERMO – “Nella meravigliosa isola di Favignana potrebbero esserci dei pericoli per la salute dei cittadini e dei turisti”.
È quanto dichiara la deputata del Movimento Cinquestelle all’Ars, Valentina Palmeri, che chiede al governo regionale di effettuare le opportune verifiche sull’inquinamento che potrebbe derivare dalla centrale elettrica gestita dalla Società Sea e chiede di venire a riferire in Aula.

Palmeri ha presentato a tal proposito una interrogazione nella quale ricostruisce la storia delle perdite di combustibile dalla centrale elettrica dell’isola, impianto che produce energia per l’isola delle Egadi e che viene alimentato con gasolio trasportato con navi-cisterna. Sembrerebbe che le bonifiche finora non siano andate a buon fine.

“Sembrerebbe – dice Palmeri riferendosi a fonti giornalistiche – che nelle case limitrofe alla centrale, da circa 15 anni fuoriesca acqua giallastra, che emana un odore di petrolio. Una perdita fu verificata negli anni ‘80 in un serbatoio interrato per lo stoccaggio del combustibile e ogni bonifica sembra sia stata finora inefficace, compreso l’ultimo intervento che doveva essere completato nel 2008, basato sul piano di caratterizzazione presentato dalla Sea. I monitoraggi effettuati fino al 2014, avrebbero rilevato una significativa presenza di elementi inquinanti penetrati nelle rocce permeabili fino alla falda acquifera”. Un fatto gravissimo, soprattutto se si considera che si tratta di un’area marina protetta. Tanto grave che ha portato, in seguito a esposti e indagini, alla richiesta di rinvio a giudizio, da parte della Procura di Trapani, dell’amministratore e del procuratore speciale della Sea, accusati di inquinamento ambientale. Il 26 febbraio il Gup deciderà sulla richiesta del Pubblico ministero. Con l’interrogazione Palmeri chiede al Governo di risolvere in tempi brevi la crisi ambientale coinvolgendo anche il ministero dell’Ambiente.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684