Femminicidio a Palermo, convalidato fermo marito, "Mi tradiva" - QdS

Femminicidio a Palermo, convalidato fermo marito, “Mi tradiva”

web-la

Femminicidio a Palermo, convalidato fermo marito, “Mi tradiva”

web-la |
martedì 09 Febbraio 2021 - 18:07

In collegamento in videoconferenza dal carcere di Pagliarelli, Baglione ha ribadito quello che ha detto domenica ai carabinieri

Il gip di Palermo ha convalidato il fermo di Salvatore Baglione, 37 anni, accusato dell’omicidio della moglie Piera Napoli, 32 anni, cantante neo melodica e madre di 3 figli, il cui corpo senza vita è stato ritrovato domenica nel bagno di casa, nella borgata popolare di Cruillas, a Palermo.

In collegamento in videoconferenza dal carcere di Pagliarelli, Baglione ha ribadito quello che ha detto domenica ai carabinieri.

“E’ stato un raptus. L’ho uccisa perché mia moglie mi tradiva”. L’uomo è indagato per omicidio volontario, con le aggravanti dei “futili motivi e della “crudeltà”. Il gip ha anche disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere.

Nel corso delle indagini, condotte dalla Compagnia San Lorenzo, guidata dal capitano Simone Calabrò, sono state raccolte le drammatiche testimonianze di alcune amiche della vittima che quindici giorni fa, dopo l’ennesima lite, aveva cacciato di casa Salvatore Baglione.

La procura di Palermo non crede a Salvatore Baglione.

Il sostituto procuratore Federica Paiola gli contesta l’aggravante della premeditazione escludendo l’omicidio d’impeto. Baglione, dipendente di una ditta che trasporta carni, aveva portato a casa un coltellaccio da lavoro. Con quel coltello, ha affrontato la moglie, mentre era in bagno.

Per l’accusa si è trattato dunque di un delitto pianificato. Domani pomeriggio, in procura, verrà affidato l’incarico al medico legale per l’autopsia, che si terrà in serata all’istituto di Medicina legale del Policlinico. Poi la salma sarà restituita ai familiari per celebrare i funerali.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684