"Questa sarà la tua tomba", ragazza seviziata perché non accetta l'Islam, arrestato il padre - QdS

“Questa sarà la tua tomba”, ragazza seviziata perché non accetta l’Islam, arrestato il padre

web-iz

“Questa sarà la tua tomba”, ragazza seviziata perché non accetta l’Islam, arrestato il padre

web-iz |
mercoledì 08 Dicembre 2021 - 11:01

Chiusa in cantina, legata a una sedia, picchiata e minacciata di morte, costretta a sposare il cugino. La ragazza ha trovato la forza di denunciare i familiari.

Non voleva professare la religione musulmana né osservarne i precetti. Desiderava vivere all’occidentale e diventare un’estetista. Ma le sue aspirazioni sono state oggetto di paradossali discussioni in famiglia. Così il padre e il fratello l’hanno maltrattata, minacciata e picchiata per anni.

I maltrattamenti e la fine dell’incubo

La notizia è riportata dal quotidiano La Stampa. Aveva 14 anni quando la giovane marocchina – oggi 18enne – aveva comunicato ai familiari che, all’udire le sue parole, avevano cominciato a chiuderla in cantina e legarla alla sedia e proferendole le terribili parole: “Questa sarà la tua tomba”. Stanca delle violenze subìte, ha anche tentato il suicidio.

La Squadra Mobile della polizia di Ferrara, su mandato del tribunale di Bologna, ha arrestato il padre, 56enne, e vietato al fratello 32enne di avvicinarsi a lei. Con l’accusa di maltrattamenti, minacce e sequestro di persona in concorso.
I due l’avevano costretta pure a ritirarsi da scuola e a recarsi in Marocco per contrarre un matrimonio non voluto con il cugino 32enne (figlio del fratello del padre) e consumare con lui un rapporto sessuale.

A porre fine all’incubo, la ragazza stessa che, lo scorso 26 novembre, aveva chiesto disperatamente aiuto a una volante della polizia dopo che il papà l’aveva minacciata di morte.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684