Figuccia, Amat e Comune litigano mentre dipendenti senza stipendio - QdS

Figuccia, Amat e Comune litigano mentre dipendenti senza stipendio

web-dr

Figuccia, Amat e Comune litigano mentre dipendenti senza stipendio

web-dr |
giovedì 08 Aprile 2021 - 12:55
Figuccia, Amat e Comune litigano mentre dipendenti senza stipendio

“Mentre Amat e Comune litigano, i dipendenti dell’azienda di via Roccazzo ancora aspettano lo stipendio di marzo e la città rischia di ritrovarsi, da un giorno all’altro, senza autobus per le strade di Palermo”.

Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo della Lega, che prosegue: “Da troppo tempo, da oltre 40 anni, il sindaco Orlando alimenta una macchina dove non funziona nulla, dove gli sprechi sono all’ordine del giorno.

Se davvero si vuole salvare il salvabile, soprattutto le aziende partecipate, è indispensabile agire in una logica di razionalizzazione e di produttività, unica strada possibile da percorrere.

E’ inutile, adesso, parlare di tagli ai fondi comunali, non è un’azione che si può chiedere ad un’azienda che ha avuto dei costi e che quindi ha emesso delle fatture.

Anche il più inetto degli amministratori sa bene che è necessario concordare in fase preventiva quali siano i costi dei servizi e quindi agire di conseguenza, non si può certo intervenire a fine anno, quando i servizi sono già stati erogati.

Quella di Orlando e del suo assessore Catania è una posizione davvero surreale, come lo è stato il pignoramento delle 33 auto dell’Amat, che, anche se è una Spa, è interamente di proprietà del Comune: in pratica, Orlando ha pignorato sé stesso.

Insomma, tutti ormai hanno capito che è soltanto uno scontro politico, dove il sindaco e l’assessore hanno assunto una posizione folle o strumentale, buona soltanto per un inutile braccio di ferro, di cui stanno pagando il conto i dipendenti dell’Amat e i cittadini”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684