Fisco, in manette tre imprenditori e un fiscalista nel Catanese - QdS

Fisco, in manette tre imprenditori e un fiscalista nel Catanese

redazione web

Fisco, in manette tre imprenditori e un fiscalista nel Catanese

mercoledì 31 Marzo 2021 - 09:51

L'operazione della Guardia di Finanza di Catania ha riguardato il fallimento della Seitral srl, un'azienda del settore dei trasporti di Santa Venerina. Sequestrati beni per diciotto milioni di euro

Tre imprenditori e il revisore legale di una società fallita, la Seitral srl di Santa Venerina (Catania), sono stati arrestati dalla Guardia di finanza nell’ambito di una indagine per reati fallimentari ed evasione fiscale coordinata dalla Procura del capoluogo etneo.

L’operazione, svolta tra la Sicilia, il Lazio e la Campania, è stata denominata “Truck”.

I militari hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip.

I nomi di tutti gli arrestati

Sono l’amministratore di diritto della Seitral, Luigi Emilio Demarco, di 55 anni, gli amministratori “di fatto” , Giuseppe e Rosario Russo, rispettivamente padre e figlio, di 41 e 64, e il sindaco unico e revisore legale, Rosario Scotto D’Abusco, di 65, quest’ultimo bloccato ad Ischia (Napoli).

Tutti e quattro sono stati posti agli arresti domiciliari.

Sequestro di beni per diciotto milioni

Il Gip ha inoltre disposto il sequestro preventivo delle quote societarie e dell’intero complesso aziendale di due società (una con sede a Catania, l’altra a Roma ma che opera nella Zona Industriale di Catania), oltre alle relative disponibilità finanziarie, per un valore di circa diciotto milioni di euro.

Dissesto per oltre venti milioni

Le indagini hanno riguardato il dissesto per oltre venti milioni di euro della Seitral srl, una società del settore dei trasporti con sede a Santa Venerina (Catania), riconducibile al gruppo societario di Rosario e Giuseppe Russo.

Secondo quanto accertato, gli amministratori della società, già in dissesto a partire dal 2015 e non in grado di fare fronte al rilevante debito nei confronti dello Stato, non avrebbero provveduto alla copertura delle perdite nel tempo maturate dalla società e avrebbero resistito alla istanza di fallimento producendo un piano di risanamento fondato su dati societari non veritieri.

Distratte ingenti somme di denaro

Gli amministratori della Reitral inoltre avrebbero proseguito nella gestione della società, acquistando nuovi mezzi e distraendo ingenti somme di denaro, aggravando così il dissesto e determinando un debito nei confronti dell’Erario di oltre quattordici milioni di euro oltre che distrazioni per oltre cinque milioni e seicentomila euro.

Sottratti i libri contabili

Secondo quanto accertato Dimarco e Russo padre figlio, oltre ad aggravare il dissesto della società, avrebbero, a vario titolo, tra l’altro, sottratto i libri contabili per ostacolare la ricostruzione del patrimonio della società fallita e avrebbero commesso rilevanti reati tributari non presentando la dichiarazione ai fini Iva per il 2019 relativa a operazioni commerciali del valore di oltre cinque milioni di euro ed omettendo il versamento delle ritenute e dell’Iva per una evasione complessiva di oltre due milioni di euro.

Piano di risanameno con false informazioni

L’abuso, secondo quanto accertato, pur consapevole della ingente posizione debitoria dell’impresa, avrebbe attestato un piano di risanamento della società in cui sarebbero state esposte false informazioni circa la correttezza della contabilità.

Sono stati inoltre sottoposti a sequestro le quote societarie e l’intero complesso aziendale di due imprese: la Car Fer srl, con sede a Santa Venerina, come società che ha ricevuto l’intero patrimonio della Seitral, la Pianeta Servizi Con srl, con sede legale a Ciampino (Roma) ma operante a Catania .

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684